Job In Tourism > News > Strategie > La vera essenza delle Maldive

La vera essenza delle Maldive

Custodi consapevoli di un meraviglioso mondo sottomarino

Custodi consapevoli di un meraviglioso mondo sottomarino

Di Marco Bosco, 11 marzo 2011

Le Maldive: sogno romantico, paradiso incontaminato, location d’elezione per una vacanza esclusiva. Ci sono diversi modi per descrivere questo luogo, che la maggior parte delle persone collega spesso a un mondo fantastico, fatto di natura intatta, di acque cristalline e spiagge immacolate. Ma cosa significa veramente fare ospitalità in uno dei tanti resort che punteggiano i numerosi atolli di questo vasto arcipelago al largo delle coste sudoccidentali dell’India? E come si traduce il concetto di accoglienza in una struttura di lusso completamente autoctona, che con i suoi quasi 40 anni di attività ha contribuito grandemente a fare la storia del turismo maldiviano?
«È difficile definire il lusso alle Maldive», racconta il general manager del Baros resort, Jonathan Blitz. «Qui ormai è stato costruito tutto quello che mente umana può immaginare. La nostra strategia è perciò quella di offrire un lusso non ostentato, consapevoli che un servizio così concepito, insieme al contesto paesaggistico di assoluta qualità in cui siamo inseriti, costituisca la vera natura di quella che noi definiamo l´essenza delle Maldive».
Il Baros, in particolare, si trova su un atollo lungo 350 metri e largo 300, a 25 minuti di nave veloce dalla capitale Malè. Aperto nel 1973 dalla famiglia maldiviana Manikur è da allora uno dei protagonisti indiscussi dell´ospitalità dell´arcipelago. E la tradizione e la valorizzazione della cultura locale sono rimaste il biglietto da visita principale della sua offerta. «A differenza che in molti altri resort maldiviani, la maggior parte del nostro staff è di origine indigena», riprende Blitz. «Molti di loro, inoltre, sono cresciuti professionalmente all´interno della nostra struttura. Questi due fattori, messi insieme, rendono il nostro personale particolarmente orgoglioso del posto in cui lavora. E ciò si traduce nella cura del servizio e in un´attitudine sincera all´accoglienza degli ospiti».
La lunga storia del Baros ha reso peraltro la struttura un punto di riferimento importante per i lavoratori maldiviani. «La compagnia ha sempre avuto un approccio molto personale, quasi familiare, con i propri dipendenti. Se a questo si aggiungono i costanti investimenti in formazione e sviluppo delle risorse umane, si può capire come il resort sia considerato un luogo di lavoro particolarmente ambito da queste parti».
Obiettivo finale di tali strategie in materia di prodotto e di risorse umane, è quello di sviluppare un´offerta sinceramente genuina. «Noi mettiamo a disposizione tutti i servizi che un viaggiatore abituato all´ospitalità del lusso si aspetta di trovare nelle strutture in cui soggiorna», racconta ancora Blitz. «Ma non è questo il focus principale della nostra offerta. Quello che cerchiamo di trasmettere è soprattutto il calore del nostro servizio: la capacità di prenderci cura di tutte le esigenze dei nostri clienti, senza essere per questo invadenti. E poi siamo anche profondamente consapevoli di essere una sorta di custodi di un magnifico mondo sottomarino, le cui meraviglie accompagniamo i nostri ospiti ad esplorare con un approccio assolutamente personalizzato e costruito esclusivamente sui loro specifici desideri e curiosità».
Per il prossimo futuro, infine, la convinzione di Blitz è che «il turismo, alle Maldive, continuerà ad aumentare. E il Baros, ne sono sicuro, sarà una destinazione dove tradizione, livelli di servizio e senso di autenticità non cambieranno mai. Ciò detto, le nuove tendenze vedono anche da noi l´emergere prepotente della domanda proveniente dall´Estremo Oriente. Ma prevediamo anche un prossimo rafforzamento del segmento luna di miele, in particolar modo della richiesta generata dall´area sudamericana. A non mancare mai, inoltre, saranno gli ospiti alla ricerca di esperienze sottomarine di qualità, mentre noi puntiamo pure a rafforzare le nostre posizioni in un mercato importante come l´Europa continentale. Quello che vogliamo, in fin dei conti, è continuare a rappresentare un punto di riferimento per tutti coloro che sono alla ricerca delle spirito autentico delle Maldive».

Il Baros

Aperto nel 1973 come terza struttura ricettiva dell’arcipelago, costruito e gestito tutt´ora dalla famiglia maldiviana Manikur, il Baros resort è diventato un luogo raffinato, dove la tradizione e le origini della cultura locale sono rimaste il biglietto da visita della sua offerta ricettiva. Una vegetazione tropicale e lussureggiante con oltre 300 palme circonda la struttura, composta da diverse tipologie di camere, tra cui le Baros pool villas, affacciate direttamente sulla laguna e dotate di piscina e spiaggia privata. La spa, immersa in un verde giardino, è come un nido dove domina la privacy più assoluta: ricca la selezione di esclusivi trattamenti per il corpo e per il viso, tra cui, nuovissimi, quelli a base di olio di noce di cocco, che viene impiegato in un mix di tecniche occidentali e orientali. Tre, inoltre, i ristoranti del Baros: il fiore all´occhiello Lighthouse, dove si assaporano creazioni di pesce elaborate a partire da una contemporanea fusione di cucina asiatica e mediterranea, e due locali affacciati sulla laguna, il Lime restaurant e il Cayenne grill, esotici pavillon aperti sui quattro lati, dove gustare specialità internazionali arricchite di sapori tropicali. Ma il resort maldiviano possiede pure la propria barriera corallina, mentre il menu à la carte della proposta Diving by design consente di immergersi nei 30 parchi marini del North Malè Atoll. A completare l´offerta, infine, un veliero romantico per una cena al tramonto, accompagnati dal butler personale.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati