Job In Tourism > News > Tecnologie > Tecnologia significa qualità

Tecnologia significa qualità

La lavanderia industriale Orio Team è da sempre impegnata sul fronte dell'innovazione, con prodotti e procedure all'avanguardia. Per loro il futuro è nell'Internet of things

La lavanderia industriale Orio Team è da sempre impegnata sul fronte dell'innovazione, con prodotti e proced

Di Giorgio Bini, 19 aprile 2018

La tecnologia non si declina solo in ambito digitale. Anche i prodotti fisici cambiano con velocità crescenti per venire incontro sia alla domanda di una clientela sempre più esigente, sia alle necessità di aziende a caccia di procedure e servizi in grado di ridurre e ottimizzare al meglio i costi operativi. E con il progressivo diffondersi della cosiddetta Internet of things, ossia della connessione di oggetti e materiali alla rete, i confini tra il mondo reale e quello virtuale sono destinati a diventare sempre più sottili.
«Nella nostra costante ricerca di qualità legata al servizio di lavanderia, abbiamo sempre considerato importante, oltre all’utilizzo di prodotti detergenti e sanificanti all’avanguardia, anche l’impiego di macchinari tecnologicamente avanzati, in grado di aumentare il livello del servizio e la fiducia della nostra clientela», racconta il coo di Orio Team, Fabrizio Famularo.
Tutto inizia con la selezione e l’acquisto dei materiali tessili: «Un momento molto importante perché, un po’ come avviene nel food & beverage, la qualità della materia prima è al contempo la base essenziale da cui partire e una componente significativa nel perseguimento dell’equilibrio vitale tra costi e ricavi», riprende Famularo. «Tale compito richiede perciò una elevata capacità di valutazione dei prodotti non solo dal punto di vista estetico, ma anche sotto il profilo degli aspetti ecologici e tecnologici dei materiali analizzati. Perché tovaglie, lenzuola, biancheria da bagno e altri accessori tessili contribuiscono grandemente alla capacità di offrire al consumatore finale un’esperienza coerente con le caratteristiche del servizio proposto dai locali per la ristorazione e dagli hotel».
In tema di biancheria, in particolare, oggi si sente forte la necessità di garantire agli ospiti soluzioni anallergiche per il benessere dei viaggiatori. Da una partnership tra Orio Team e la società specializzata Elite – Bioallergen è quindi nato recentemente il protocollo Allergy Free Hotels. «E il progetto beneficia anche delle nostre nuove tecniche di lavaggio, che non prevedono l’utilizzo di coloranti e altri allergeni. Il tutto garantito dalle certificazioni Oeko-Tex Standard 100 e Uni En 14065: 2016 (Rabc – Risk Analysis and Biocontamination Control)», aggiunge Famularo.
Non solo: «L’automazione della lavanderia, dal controllo dei macchinari al sistema di gestione delle merci, fino all’organizzazione produttiva in senso generale, deve oggi poter garantire standard di lavaggio e igienizzazione elevati, stabili e a basso impatto ambientale. È questa ormai una condizione minima necessaria per stare sul mercato. Qualcosa di cui l’albergatore, durante la fase di selezione dei propri partner fornitori, dovrebbe sempre tener conto».
Nel corso di tutto il processo, dal ricevimento della biancheria sporca alla consegna di quella pulita, la necessità di evitare la contaminazione microbiologica riveste infatti un’importanza essenziale. «E per raggiungere tale scopo ci vengono ancora una volta in soccorso le specifiche del sistema Rabc, che garantiscono un livello prestabilito di qualità microbiologica in funzione dell’utilizzo specifico dei dispositivi tessili», chiosa sempre Famularo.
In conclusione, al fine di assicurare standard adeguati di igienicità e comfort sono necessari «l’idoneità e il buon funzionamento degli impianti, uniti a un’efficiente ed efficace organizzazione e gestione dei processi produttivi», conclude il coo di Orio Team. «Il progresso passa anche da queste vie, ma presuppone soprattutto grande impegno e ingenti investimenti in tecnologia e innovazione». «E per il futuro?», gli chiediamo prima di chiudere l’intervista: «Si va verso l’installazione dei microchip nei tessuti. Uno strumento It particolarmente utile per svolgere tutta una serie di funzioni legate all’automazione del servizio, nonché per affrontare con successo l’annoso problema degli ammanchi. Ma questa è un’altra storia e ne riparleremo tra un po’», risponde prontamente Famularo. Ed ecco allora che il cerchio si chiude: dall’innovazione in senso materiale si passa al digitale e quindi al virtuale. È l’Internet of things, signori!

L’identikit della compagnia

www.orioteam.it
La lavanderia industriale Orio Team, presente sul mercato dal 1963, è specializzata nel noleggio di biancheria per hotel e ristoranti. Il suo impegno per la qualità e l’ambiente è ben testimoniato dal suo stesso sito produttivo: situato a Levate, in provincia di Bergamo, è un edificio di nuova costruzione, progettato per garantire l’impiego delle più moderne tecnologie e l’organizzazione di cicli di lavorazione ad alta automazione, che permettono di ottenere standard di lavaggio, sanificazione, stiro e confezione elevati. Gli impianti sono stati progettati e messi in opera tenendo nella massima considerazione numerosi criteri guida di sicurezza, rispetto delle condizioni di lavoro e protezione dell’ambiente esterno. Orio Team è certificata Iso 9001 (per il modello di gestione aziendale orientato alla soddisfazione del cliente), Uni En 14065 (Risk analysis and biocontamination control – Rabc), Iso 14001 (gestione ambientale) e Oeko-Tex Standard 100 (produttori ambientalmente ecocompatibili).

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati