Job In Tourism > News > News > L’incoming di Pregio Hotels

L’incoming di Pregio Hotels

Di Floriana Lipparini, 4 febbraio 2005

www.pregiohotel.com
Verrà presentato alla Bit il nuovo sito web di Pregio Hotel, la catena di alberghi di lusso nata dalla fusione di Insud, un consorzio inizialmente costituito da cinque hotel dall’elevato valore architettonico, con Sviluppo Italia.
È in atto un completo restyling dell’immagine della compagnia a tutti i livelli, dal marchio alla grafica, dal concept all’identity. Lo stesso nome, inizialmente unito in una sola parola, è stato oggetto di uno studio semiotico che ha consigliato di staccare i due termini per dare maggior valore all’idea di pregio come prestigio, considerando anche la possibile percezione di un brand così denominato a livello internazionale.
«La nostra collezione conta attualmente 32 alberghi, concentrati soprattutto nel centro Italia, ma il nostro obiettivo è di raggiungere quota 150 property entro cinque anni, facendo crescere la catena non solo numericamente ma anche geograficamente, sull’intero territorio italiano», spiega Guido Castellini, direttore commerciale e marketing di Pregio Hotel. Avvocato, trentaseienne, vanta un’articolata e approfondita esperienza nel settore del marketing turistico e dell’incoming, costruita lavorando in Italia e negli Stati Uniti presso importanti società e tour operator.
«Il nostro obiettivo è quello di creare un incoming di qualità ispirato ai circuiti dei paradores spagnoli o delle posadas portoghesi, una collezione di palazzi storici, castelli, ville patrizie, antichi monasteri, strutture che offrano il massimo della bellezza e il massimo del comfort, e che siano ubicate in luoghi ricchi di fascino, di arte e di storia. Nella nostra directory diamo molto spazio alla conoscenza del territorio, dedicando a ogni regione due pagine introduttive dense di notizie e riferimenti specifici alle cose da vedere, alle attrazioni e agli eventi culturali», aggiunge Castellini.
Naturalmente, l’Italia è perfetta per questo. Gli alberghi che si affilieranno a Pregio Hotel potranno contare su un call center dedicato, su sistemi di distribuzione elettronica all’avanguardia, su un modulo web che consente una completa interfaccia tra l’albergo, la catena e i canali di distribuzione esterni, tale per cui sia possibile in ogni momento aggiornare direttamente la disponibilità e il piano tariffario. Per promuovere le strutture affiliate Pregio Hotel ha in programma un completo ventaglio di strategie: directory istituzionale in 40 mila copie, ufficio stampa di catena, campagne pubblicitarie mirate, educational e fam trip, accordi con i maggiori tour operator e agenzie, partecipazione alle più importanti fiere e workshop nazionali e internazionali, organizzazione di road show con operatori esteri. Molto impegno sarà dedicato ai servizi di membership e all’ottimizzazione costante del sito, con innovative modalità di web marketing.
Per un prodotto di nicchia come questo, ovviamente, il target della clientela è per il 70% leisure, e solo in piccola percentuale incentive o board meeting. Usa, United Kingdom, Germania, Russia e Scandinavia sono i mercati emergenti cui punterà il marketing nei prossimi anni.
Quali, dunque, i vantaggi dell’affiliazione per gli hotel? «Sono numerosi. Ad esempio, godere di una considerevole riduzione di costi conferita dall’appartenenza a una brand company evoluta. – risponde il direttore commerciale di Pregio Hotel -. Competere meglio sul mercato internazionale grazie alla forza data dal fare rete con altre strutture analoghe. In sostanza, ogni hotel della nostra collezione fa parte di una collana, un suggestivo itinerario fra le perle del fascino italian style, un modo itinerante di vedere l’Italia».
Appartenere a una catena di solito comporta anche determinati vincoli, patti e regole da rispettare, ma nel caso di Pregio Hotel non sono previste rigidità: «Non ci occupiamo di gestione, ma di marketing e promozione, di conseguenza l’affiliazione a Pregio Hotel si configura come una sorta di softbranding. Il nostro marchio non si sovrappoone a quello dell’hotel, ma vi si affianca, Alle nostre strutture chiediamo solo il rispetto della qualità», conclude Castellini.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati