Job In Tourism > News > News > I consulenti indipendenti nel futuro degli alberghi

I consulenti indipendenti nel futuro degli alberghi

Di Antonella Carboni, 30 aprile 2004

“In alcuni ambiti del mondo alberghiero italiano si sta diffondendo la tendenza a giocare sulle tariffe. Ma le camere non sono una merce da mettere all’asta. Ecco perché si apre sempre più spazio per la figura del consulente alberghiero indipendente, in grado sia di trovare clienti per le strutture alberghiere, come è normale compito dei sales manager, ma anche di consigliare ai clienti la struttura più seria e affidabile. In Italia queste figure professionali sono ancora rare, ma sono convinta che presto molti mi seguiranno su questa strada”, dichiara Cinzia Panella, dal gennaio di quest’anno amministratore unico di One srl (cinzia.panella@libero.it), società di consulenza commerciale, marketing, vendite e promozione, che opera nel mercato leisure e business, Tra i clienti annovera l’hotel Cosmo palace a Milano, l’hotel Ars, il Cicerone e il Bernini a Roma, il Poseidon a Positano e il Bioresort La Tragliata alle porte di Roma.
Cinzia è una giovane signora entrata circa vent’anni fa nel mondo alberghiero con un primo lavoro alla reception del centro congressi dell’hotel Midas di Roma, allora l’unico albergo ad avere uno spazio meeting, e maturando negli anni una professionalità che l’ha portata a ricoprire la carica di direttore commerciale per alberghi di alto livello.
“A un certo punto mi sono accorta di aver maturato sufficiente esperienza per occuparmi di più strutture di diversa tipologia, dedicandomi a un’attività più variata, più divertente e interessante. Ho sempre avuto la vocazione per le relazioni esterne, per trovare clienti, per curare che siano soddisfatti delle soluzioni. Dopo vent’anni di attività in questo settore, posso contare su un vasto portafoglio clienti, ho rapporti con incentive house, con tour operator, con organizzatori congressuali e sono quindi in grado di suggerire la location più adatta, in particolare al turismo business, puntando su strutture affidabili e serie”.
Cinzia lavora soprattutto con gli hotel individuali, che in Italia sono moltissimi: “Queste strutture costituiscono una ricchezza per l’Italia, ma vengono sistematicamente trascurate. Di fronte alla concorrenza spietata delle grandi catene rischiano moltissimo perché non posseggono una struttura commerciale interna”.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati