Job In Tourism > News > Professioni > Il trionfo di una barlady

Il trionfo di una barlady

Numerosi, come sempre, i titoli e i premi in palio

Numerosi, come sempre, i titoli e i premi in palio

Di Giorgio Bini, 11 febbraio 2011

Una barlady sul tetto d’Italia. È Caterina Lasagna, della sezione Emilia Romagna-Repubblica di San Marino, la vincitrice assoluta del sessantunesimo concorso nazionale dell’Aibes, svoltosi a Mestre a fine 2010. L’after dinner della barlady ha, infatti, ottenuto il punteggio più alto nelle tre categorie free (comprendenti anche i long drink e i pre dinner). Il suo Drink angel è una ricetta dal gusto importante, che colpisce per la presenza della grappa, ingrediente spesso trascurato dalla miscelazione, perché più difficile da accostare ad altri. Ma le difficoltà, si sa, si rivelano spesso una sfida da cui uscire vincitori e così è stato per Caterina Lasagna, divenuta barlady ufficiale Aibes per il 2011.
Per quanto riguarda le singole specialità si segnala poi, la vittoria, nella categoria long drink, di Fabio Pinto, della sezione Campania, docente dell’Ipssar Virtuoso di Battipaglia, con il suo cocktail Gabbiadoro: una ricetta molto profumata, in cui le note fruttate costituiscono un interessante elemento distintivo. Nel pre dinner si è invece piazzata al primo posto Sara Schiavi con il cocktail Formula antica. Anche in questo caso si tratta di una ricetta dal tono fruttato piuttosto accentuato, equilibrato però molto bene dal gin, in grado di attenuarne la dolcezza e di conferire all’insieme un gusto morbido e molto piacevole.
Altro premio ambìto del concorso nazionale Aibes è poi quello di Barman dell’anno: viene attribuito in seguito a un esame scritto e orale di conoscenza delle lingue, nonché di cultura generale e professionale, alla cui valutazione si aggiunge il punteggio ottenuto da un drink proposto per l’occasione. Ad aggiudicarsi il titolo di Barman dell’anno per il 2011 è stato così Andrea Francardi, della sezione Toscana, che in questo modo ha bissato il successo del 2007 e consolidato una tradizione personale di premi ricevuti, tra cui spicca pure il titolo di Professionista dell’anno Solidus ottenuto nel 2008. Ennesimo riconoscimento ambìto assegnato a Mestre è stato, inoltre, quello intitolato ad Angelo Zola e riservato ai barman di età inferiore ai 28 anni: un titolo prestigioso non solo perché impone ai ragazzi partecipanti uno studio molto approfondito delle materie in programma, ma anche perché consente di accedere all’Iba training center di Singapore, un vero e proprio master presso il quale i più promettenti giovani a livello mondiale possono fare un’esperienza formativa di altissimo livello. E, come per il titolo di Barman dell’anno, anche in questo caso il vincitore appartiene alla sezione Toscana: Federico Bocciardi con il suo drink Laguna passion.
Venendo, infine, alle restanti categorie, il premio Aibes domani è stato vinto da Simone Di Leonardo, della sezione Marche-Abruzzo-Molise, mentre, per gli emergenti, è stata Grazia Lombardo della sezione Piemonte a salire sul gradino più alto del podio; il premio skills technique, dedicato alle tecniche di esecuzione, è andato quindi a Emanuele Guainella, della sezione Lazio-Umbria. A rappresentare l’Italia nella categoria flair del mondiale 2011 sarà, invece, Marco Corgnati della sezione Toscana, mentre il titolo per le migliori decorazioni è stato assegnato, a pari merito, ancora a Caterina Lasagna e a Francesco Carramusa, della sezione Sardegna; quello di Fiduciario dell’anno a Leandro Serra, sempre della divisione sarda di Aibes.

I cocktail dei vincitori

Il Drink angel di Caterina Lasagna
Grappa Moscato Gaiarine cl. 2; sciroppo di vaniglia cl. 1; crema cacao bianca cl. 1; Anisette Marie Brizard cl. 0,5; latte scremato cl. 2; Blue curacao cl. 0,5; oro alimentare in polvere.
Il Gabbiadoro di Fabio Pinto
Rum Havana Club 3 anni cl. 3; Passa cl. 2; Mandarinetto Isolabella cl. 1; Martini Rosato cl. 1; Sweet & Sour cl. 1; spremuta di mandarino cl. 7; Bacardi Breezer Ruby Red cl. 5.
La Formula antica di Sara Schiavi
Bacardi Apple cl. 1; Tanqueray gin cl. 2; sciroppo di fragola cl 0,5; crema di banana cl. 0,5; Aperol cl. 2; Martini Rosso cl. 1; buccia d’arancia twist.
Il Laguna Passion di Federico Bocciardi
Mezzo frutto della passione; Bacardi Apple cl. 2; centrifugato di ananas cl. 3; Aperol cl. 2; Peach Tree cl. 1; Moscato d’Asti Sigillo Blu cl. 4.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati