Job In Tourism > News > News > Cisalpina tours vara il piano strategico 2010-2012

Cisalpina tours vara il piano strategico 2010-2012

Di Marco Beaqua, 16 luglio 2010

Consulenza. È questa la parola magica che si sente sempre più spesso pronunciare dai protagonisti dell’intermediazione agenziale: un modo per dare valore aggiunto ai propri servizi e affrontare con successo le evoluzioni di un mercato, che pare sempre più caratterizzato da una ricerca del rapporto diretto tra cliente e fornitore. Rendere realmente tangibile tale dichiarazione d’intenti non è però una cosa semplice, ma è quello che stanno provando a fare in Cisalpina tours, la travel management company (tmc) dal 2007 parte del gruppo Blu holding. Tale progetto si inserisce, peraltro, in un piano coerente di ridefinizione generale dell’offerta, pensato per tutte le componenti della holding controllata dal fondo di private equity Investitori associati IV, che comprende, oltre alla stessa Cisalpina, anche Bluvacanze e Vivere & Viaggiare, per il segmento leisure, nonché Going per il comparto tour operating.
«Le aziende di grandi dimensioni mostrano una sempre maggiore attenzione al contenimento dei costi», spiega l’amministratore delegato Blu holding, Marco Ficarra. «Allo stesso tempo, in Italia, come in altri paesi, si è definitivamente avviata la ricerca di un nuovo equilibrio tra le tmc e i fornitori, derivante dalla progressiva riduzione dei sistemi commissionali: le prime, in particolare, sono oggi meno dipendenti dalle marginalità offerte dai secondi e devono focalizzarsi maggiormente sulla capacità di vendere un servizio di consulenza completo e di valore».
Da queste premesse nasce il piano strategico di Cisalpina tours per il triennio 2010-2012. «A tal fine abbiamo già riorganizzato la nostra area operativa», interviene Alfredo Pezzani, direttore commerciale della tmc dallo scorso autunno. «L’idea è quella di responsabilizzare maggiormente le nostre risorse. Ma abbiamo anche creato la nuova figura del sales & account manager: un vero e proprio trait d’union tra le aziende clienti e noi di Cisalpina tours, con compiti di supporto e di ottimizzazione delle spese per i viaggi dei nostri partner, anche tramite l’utilizzo di business management review tese a individuare le potenziali aree di miglioramento e gli scostamenti dalle best practice».
Tra le altre azioni previste nel piano triennale c’è poi anche lo sviluppo sinergico della collaborazione con la divisione leisure e il tour operator del gruppo. «Grande attenzione porremo, inoltre, sul potenziamento dei sistemi di self booking tool», prosegue Pezzani. «Oggi diffusi soprattutto tra le imprese medie e medio-grandi, noi pensiamo di proporli anche alle piccole aziende. Il tutto con l’obiettivo di creare rapporti sempre più stretti non solo con i nostri clienti, ma anche con i nostri fornitori».
Un altro dei punti fondamentali del triennio sarà, infine, quello della capitalizzazione degli investimenti tecnologici sostenuti. «Vogliamo, cioè», conclude Ficarra, «rendere realmente disponibili a tutti i nostri strumenti informatici più avanzati. Ciò significa, per esempio, integrare i nostri sistemi di prenotazione all’interno degli Enterprise resource planning, ossia in quei programmi di gestione di cui le aziende si dotano per controllare tutti i propri processi di business rilevanti».

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati