Job In Tourism > News > F&B > Chef toscano per un giorno

Chef toscano per un giorno

Di Giorgio Bini, 26 agosto 2011

Come si cucina lo spezzatino di cinghiale e altri segreti della cucina toscana. Lo si può scoprire con il nuovo pacchetto de La Melosa Resort di Roccastrada: una proposta culinario-gastronomica con risvolti benessere, che testimonia dell´impegno della struttura grossetana nel proseguire la sua politica di strategie promozionali volte a intercettare due trend della domanda particolarmente in voga in questo momento: la cucina e il wellness. La nuova iniziativa, in particolare, è stata appositamente pensata per consentire agli ospiti di diventare cuochi per un giorno: un programma della durata di tre ore circa, durante il quale lo chef del resort guida i partecipanti, passo dopo passo, nella cucina e nella composizione di alcuni piatti della più classica tradizione toscana. Oltre al cinghiale, si può così, per esempio, imparare a fare i cantucci, rigorosamente da abbinare a un buon bicchiere di Vin santo, nonché i pici cacio e pepe: una pasta fatta a mano «appicciando» farina, acqua e albumi d´uovo, tipica della Val di Chiana, le cui origini risalgono alla notte dei tempi; lo dimostra anche un dipinto di una tomba etrusca, dove lo stesso piatto si trova raffigurato su una patera (la scodella dell´epoca) di un servo, intento a portarla in tavola per il titolare del monumento funerario, che evidentemente doveva esserne particolarmente ghiotto. Dopo la lezione, peraltro, agli allievi chef non mancherà neppure l´opportunità di rilassarsi nel centro benessere o a bordo piscina, in attesa della cottura dei piatti conosciuti durante la giornata.

LA RICETTA
Lo spezzatino di cinghiale
Ingredienti per 4-6 persone
Per il soffritto: cipolla bionda g. 200, due spicchi d´aglio, olio extra vergine di oliva g. 100, alloro, salvia e bacche di ginepro qb. Per lo spezzatino: polpa di cinghiale marinata kg. 1, pomodori freschi g. 400, olive nere g. 100 gr, brodo vegetale l. 1.

Procedimento
Tritare finemente gli ingredienti del soffritto e cuocere lentamente per uniformarne l´aroma. Alzare quindi la fiamma e aggiungere il cinghiale a pezzettoni. Una volta che questi è ben rosolato, unire il pomodoro fresco e le olive, e cuocere lentamente (3-4 ore), versandovi il brodo un po´ alla volta.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati