Job In Tourism > News > Territorio > Il Colosseo: un brand che vale ben 91 miliardi di euro

Il Colosseo: un brand che vale ben 91 miliardi di euro

Di Giorgio Bini, 9 settembre 2011

Se la Finlandia aveva chiesto in garanzia, per il salvataggio della Grecia, beni di Stato quali l’Acropoli, il Partenone e alcune isole, l’Italia, solo per alcuni dei suoi paesaggi da cartolina, potrebbe mettere in campo almeno 20 miliardi di euro. A tanto è stato infatti stimato, dall’ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza, il valore complessivo dei brand di alcune delle bellezze naturali italiane più note e conosciute al mondo: un valore che non riguarda tanto il patrimonio tangibile, quanto l’immagine, la visibilità e la reputazione che questi beni hanno a livello internazionale. A dominare la classifica dei marchi naturali italiani è così la Toscana, con le sue colline del Chianti e il loro brand da quasi 4 miliardi di euro. Tra le località di mare più conosciute spicca, invece, il marchio costiera amalfitana da più di 3,5 miliardi, quello della riviera romagnola, allungata fino al Conero, da 2,3 miliardi, e il brand Versilia da quasi 2 miliardi. In circa 2 miliardi è stimato peraltro anche il marchio delle Madonie in Sicilia. Salento e Costa Smeralda, poi, se la giocano alla pari, con un valore di quasi 1,5 miliardi ciascuna. E chi ha scelto di rilassarsi tra le Dolomiti si è goduto un paesaggio da 1,1 miliardi di euro. Il marchio della Brianza (laghi lombardi compresi) vale, infine, 980 milioni e batte le Cinque Terre, ferme a 725 milioni.
Ma anche i principali monumenti storico-artistici italiani hanno naturalmente una propria reputazione economica internazionale, il cui valore è spesso persino superiore a quello dei paesaggi: il brand del Colosseo, per esempio, è stato stimato a 91 miliardi di euro, quello dei Musei Vaticani a 90 miliardi e quello del duomo di Milano a 82 miliardi.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati