Job In Tourism > News > Eventi > Si fa tripla la terza edizione della Marcia internazionale della libertà

Si fa tripla la terza edizione della Marcia internazionale della libertà

Di Marco Beacqua, 9 settembre 2011

WWW.SOCIETALIBERA.ORG

«Con la nostra manifestazione silenziosa vorremmo amplificare l’impegno di chi, in varie parti del mondo, lotta per la libertà». Con queste parole il direttore di Società Libera, Vincenzo Olitta, aveva presentato a novembre 2008 la prima edizione della Marcia internazionale della libertà: un’iniziativa svoltasi a Roma e nata con lo scopo di portare alla ribalta le limitazioni dei diritti civili diffuse in aree del mondo come la Birmania, l’Iran o il Tibet. Oggi, a quasi tre anni di distanza, l’evento è giunto ormai alla sua quarta replica e, grazie anche al successo delle precedenti edizioni, si amplia articolandosi in tre eventi-corteo contemporanei, in partenza il prossimo sabato 22 ottobre, a partire dalle ore 15 a Roma, Berlino e Parigi.
Società Libera, inoltre, in linea con il proprio obiettivo di arricchire il dibattito culturale e contribuire al processo di trasformazione della società, non solo italiana, lancia la proposta di una Giornata europea per la libertà delle minoranze e dei popoli oppressi: «A fronte del peggioramento nel mondo della situazione dei diritti umani», si legge nella nota ufficiale di presentazione della nuova marcia, «riteniamo che non basta più esprimere generiche solidarietà e manifestare separatamente e per singole situazioni. È tempo che in Europa si riempiano le piazze di gente consapevole. È tempo che l’Occidente si scuota e mobiliti concretamente interesse e coscienze sulle condizioni di centinaia di milioni di uomini. È tempo che l’Europa e gli organismi soprannazionali vengano sollecitati ad assumere posizione a tutela delle minoranze. Con questi intendimenti ci appelliamo alle genti d’Europa, alle comunità delle minoranze e dei popoli oppressi e agli organi d’informazione affinché da Berlino, Parigi e Roma parta un vasto e unitario movimento di mobilitazione, in grado di far comprendere che la difesa dei diritti umani è una priorità internazionale».

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati