Job In Tourism > News > Eventi > Segnali positivi con qualche ombra

Segnali positivi con qualche ombra

Al centro dell'ultima edizione anche l'information technology

Al centro dell'ultima edizione anche l'information technology

Di Antonio Caneva, 22 aprile 2011

L’Itb di Berlino non si smentisce e sciorina nuovamente numeri imponenti per quello che è senza ombra di dubbio il più importante appuntamento fieristico del turismo al mondo. La quarantacinquesima edizione dell’evento berlinese dedicato all’industria dei viaggi e dell’ospitalità si è infatti chiusa sui livelli dell’anno precedente, con circa 170 mila visitatori complessivi e 11.163 espositori provenienti da 188 paesi differenti. «Ogni anno riusciamo ad attirare numeri crescenti di buyer internazionali, che in quest’ultima edizione sono arrivati a rappresentare ben il 40% della domanda professionale presente», ha dichiarato un evidentemente soddisfatto Christian Göke, ceo dell’ente fieristico Messe Berlin. «Un trend capace di stimolare significativamente il mercato, tanto è vero che quest’anno il volume di business generato dagli accordi tra gli operatori dovrebbe aver superato la soglia dei 6 miliardi di euro, ben al di sopra del giro d’affari complessivo registrato nel 2010».
Sarà senz’altro tutto vero, ma è vero ugualmente che anche all’Itb quest’anno si sono visti, qua e là, angoli salotto che precedentemente non c’erano e che rappresentano, come ormai avviene per intere aree alla Bit di Milano, spazi che sono rimasti invenduti.
Al centro dell’ultima edizione alcune novità importanti, tra cui una nuova area, l’eTravel World, dedicata ai più recenti trend in materia di information technology e social media, nonché agli approfondimenti sull’ultima frontiera dell’e-commerce sui dispositivi portatili.
Questa è stata sicuramente un’iniziativa interessante: la necessità di rivedere le proprie strategie in chiave di informatizzazione, comprendendo i social media e l’e-commerce, è talmente rilevante che deve indurre gli operatori a un’attenzione costante all’argomento; ora non è più sufficiente delegare su questo tema: bisogna considerarlo una priorità alla quale dedicare importante parte delle proprie energie.
Significativa pure la presenza dei paesi nordafricani, che hanno puntato sull’Itb per provare a recuperare parte della domanda che gli ultimi eventi socio-politici hanno allontanato dalle proprie destinazioni. L’Egitto, in particolare, ha presentato la propria nuova campagna promozionale, già visibile anche sulla cartellonistica qui in Italia, che focalizza la propria attenzione proprio sui processi di democratizzazione in corso nel paese. «L’andamento dell’Itb 2011», ha commentato con una vena di ottimismo il segretario dell’Organizzazione mondiale del turismo, Taleb Rifai, «ha dimostrato che il turismo si avvia a consolidare, a livello globale, il trend di ripresa già iniziato lo scorso anno». Il presidente della German travel association (Drv), Jürgen Büchy, ha per parte sua sottolineato come «nonostante il ruolo dei nuovi media nell’operatività quotidiana continui a crescere, i contatti personali e diretti sono ancora indispensabili. E ciò si è dimostrato essere ancora più evidente proprio nelle tante discussioni a proposito dell’attuale momento vissuto dai paesi nordafricani: i colloqui intercorsi a Berlino con i protagonisti del turismo di queste destinazioni hanno infatti permesso di avere un quadro più chiaro della situazione».

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati