Job In Tourism > News > News > Un nuovo Med all’orizzonte

Un nuovo Med all’orizzonte

Di Antonio Caneva, 24 giugno 2005

Una leggenda narra che a Otranto la luce sarebbe più bella che in ogni altra località d’Italia. Situato nel punto più a sud del tallone dello stivale, bagnato dalle acque dell’Adriatico, qui limpide, questo pezzetto di terra del Sud proietta lo sguardo verso est e ogni mattina riceve in cambio i primi raggi del sole.
È intrigante questa storia e quindi con piacere ho accettato l’invito di visitare il villaggio Med di Otranto, per l’inaugurazione della struttura rinnovata. Per l’occasione è presente lo stato maggiore della società che continua il percorso di riposizionamento verso l’alto: Henri Giscard d’Estaing, presidente e direttore generale, e Giorgio Palmucci, cirettore Club Med Italia.
Il Club Med ha inventato la formula villaggio e, nel tempo, è passato dalle iniziali capanne di paglia a strutture più complesse e alla fornitura di servizi in linea con lo sviluppo della domanda. Ora è alla vigilia di un nuovo impegnativo sforzo: diventare un player mondiale, concorrente dei più famosi attori presenti sul mercato.
Afferma Henri Giscard d’Estaing: «Club Med inventa un’alchimia tutta nuova, l’alchimia fatta di eccellenza dei valori umani, accogliente e generosa. Una nuova concezione del lusso, tutto da condividere. Effettuare il salto di qualità significa investire sui valori del Club Med per dare vita a una vera e propria griffe che corrisponda a tutti i criteri dell’eccellenza, pur conservando quell’energia e quella gioia che sono sinonimi in tutto il mondo dello spirito del Club».
D’Estaing in effetti è una persona simpatica, disponibile, vitale e si sottopone volentieri alle domande dei giornalisti presenti e a lasciarsi fotografare. Parla in “italiese”, con la simpatica pronuncia dei francesi che non hanno ancora acquisito padronanza dell’italiano, ma, pur con approssimazione linguistica, trasmette con chiarezza i concetti che vuole comunicare.
Proiettano un filmato dei villaggi con belle immagini coinvolgenti, in taluni passaggi persino poetiche; si passa poi a descrivere l’evoluzione Med attraverso la nuova veste grafica pensata per essere in linea con questa concezione che, così dice, sia «una veste che rispecchi un nuovo tipo di lusso, umano, accogliente e generoso. Un’eccellenza tutta da condividere».
Il Club presenta oggi una nuova gabbia grafica, uno stile multiculturale, ricco, gioioso e colorato che esprime la sua apertura al mondo. Uno stile che introduce la nuova promessa del marchio “Club Med: un mondo da incontrare” centrata su tre poli fondatori: il piacere, lo stare insieme, la creatività.
È una concezione caratterizzata dall’eleganza del tratto grafico e dalla visione di insieme. Come un’eco che riprende e fa seguito alla campagna pubblicitaria, un modo di concepire che rispecchia le peculiarità del Club Med.
Al di là dell’aspetto creativo, questo nuovo stile è pensato come un vero e proprio sistema per la comunicazione del Club in tutto il mondo, costruito intorno all’immagine dell’orizzonte e di una duplice lettura. L’orizzonte, simbolo dell’idea di scoperta, si trasforma nella struttura grafica intorno a cui prende vita tutto il sistema: si scopre l’interno e l’esterno dei Villaggi, valorizzando così la nuova ricchezza dell’offerta e dei servizi del Club Med.
Giorgio Palmucci naturalmente parla del Club di Otranto, in cui siamo ospiti, che si erge attorno a un’antica torre genovese. Il Villaggio ha visto il compimento della prima fase dei lavori di ristrutturazione che hanno interessato le camere (significativo, ogni abitazione è dotata di televisore al plasma) e la creazione di una bella piscina di 600 metri quadrati, un “piccolo mare” interno, con una vista magnifica sul mare aperto e l’orizzonte. Il complesso completerà la propria ristrutturazione nel 2006.
Ci si perde un poco nei grandi spazi a disposizione ma, quando si lascia la sala della conferenza, si è attratti in maniera magica dalla musica di Lucio Dalla, che sta iniziando il suo concerto.

VILLAGGI CHE FANNO IL SALTO DI QUALITÀ

– Cervinia da 3 a 4 Tridenti
– Kani da 3 a 4 Tridenti
– Turquoise interamente rinnovato
– Aime la Plagne da 2 a 3 Tridenti
– Hammamet Villaggio Famiglia, Baby Club Med
– Nuovi Piaceri a Opio, Serre-Chevalier, La Pointe aux Canonniers, Cervinia, Villars-sur-Ollon e Sahoro

E inoltre:

§ Chamonix Mont-Blanc: 4 Tridenti, nuova costruzione “le Brévent”, Spa Cinq Mondes, progetto decorativo firmato Jacques Garcia, piscina esterna riscaldata.
§ Turquoise: realizzazione della seconda tranche di lavori per il rinnovo delle camere.
§ Val d’Isère: 4 Tridenti, decoro e arredamento rinnovati, ristrutturazione di alta qualità in stile rustico.
§ Hammamet: diventa Villaggio Famiglia con la creazione di un Baby Club Med (a partire dai 4 mesi), 3 Tridenti, riapertura prevista ad aprile 2006

Una più ampia scelta di camere:

Cervinia: dispone di suite e di camere Superior rinnovate
Kani: dispone di suite Lagon sulle palafitte e di bungalow sulla spiaggia
Columbus Isle: dispone di camere Superior e Vista mare
Agadir: dispone di junior suite
Sandpiper: dispone di family suite
La Plagne 2100: dispone di camere con vista sul comprensorio sciistico
Val Thorens: dispone di camere con vista sulla vallata

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati