Job In Tourism > News > Risorse umane > Un corso Euroculinary in food & beverage management

Un corso Euroculinary in food & beverage management

Di Giorgio Bini, 6 marzo 2009

WWW.EUROCULINARY.IT

«Investire nella formazione è sempre una mossa vincente, ma in questo momento specifico di difficoltà economica può rivelarsi una strategia davvero risolutiva, perché consente di costruire le basi per un futuro più roseo». Così illustra il nuovo progetto formativo in food & beverage management, organizzato dalla società di consulenza Euroculinary, lo stesso direttore dei corsi, Luigi Porta. «La nostra proposta, in particolare, si rivolge ai giovani che hanno appena concluso le scuole alberghiere e a tutti gli operatori desiderosi di consolidare la propria professionalità».
Le lezioni si svolgeranno dal 27 al 29 aprile presso il Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio, in provincia di Como, e saranno seguite da un mese di stage presso alcune selezionate strutture alberghiere. «È questo, in effetti, un aspetto fondamentale del nostro progetto», prosegue Porta, «perché darà ai nostri allievi l’opportunità di mettersi in luce e di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro».
Le iscrizioni al corso in food & beverage management rimarranno aperte fino al 10 aprile, oppure fino al raggiungimento di un numero massimo di 12 allievi. Ma i progetti di Euroculinary non si fermano certo qui. «A parte il nostro fitto programma didattico, in grado di coprire tutte le sfaccettature del lavoro nella ristorazione», conclude infatti Porta, «il nostro corso in food & beverage management intende essere anche una sorta di progetto pilota per l’attivazione, all’interno del Grand Hotel Villa Serbelloni, di una vera e propria scuola di formazione targata Euroculinary».

Le materie delle lezioni in classe

– Il menu contabile amministrativo;
– il sistema informatico di sviluppo e controllo food-cost;
vino e beverage-cost;
– la formulazione del budget f&b;
– economia alberghiera e ristorazione manageriale;
– gli obbiettivi finanziari;
– banchettistica e catering;
– l’impiego delle risorse lavorative, la gestione del magazzino;
– la corretta definizione del fabbisogno;
– il corretto calcolo dei costi;
– il rapporto tra costi e ricavi;
– la razionalizzazione degli acquisti;
– la scheda tecnica di produzione;
– il menu preventivo.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati