Job In Tourism > News > Risorse umane > Tre esperienze davvero Five Stars

Tre esperienze davvero Five Stars

Il master griffato Luiss - Forte Village raccontato da chi lo ha frequentato in prima persona

Il master griffato Luiss - Forte Village raccontato da chi lo ha frequentato in prima persona

Di Marco Beaqua, 13 ottobre 2016

Organizzato dalla Hotel Business School, il Five Stars è oggi considerato tra i dieci master in hospitality management più importanti al mondo. Lo dice l’agenzia di rating specializzata Eduniversal, che premia in questo modo un livello di placement in grado di sfiorare addirittura il 100%. «Per la verità, solo uno dei nostri allievi, delle otto edizioni disputate fino a oggi, ha scelto di dedicarsi alla famiglia. Per il resto, tutti quanti hanno trovato degli ottimi impieghi e spesso di grande responsabilità», ha raccontato infatti recentemente a noi di Job in Tourism Lorenzo Giannuzzi, l’amministratore delegato e managing director del Forte Village Resort che, insieme alla Luiss di Roma ha creato otto anni fa la stessa Hotel Business School.
La popolarità del corso è tale che già dal 2016 gli appuntamenti annuali sono passati da uno a due, mentre dalla prossima edizione, in partenza a gennaio 2017, la scuola cambierà sede, trasferendosi direttamente all’interno del Forte Village, dove si svolgeranno tutte le lezioni d’aula. Ma quali porte si aprono realmente a chi frequente il Five Stars? Quali le ambizioni e le aspettative dei partecipanti? Lo abbiamo provato a chiedere a tre allievi delle passate edizioni: Roberto Frau oggi revenue manager presso lo stesso Forte Village, Giuseppe Arru, f&b director sulle navi Costa Crociere e Diego Caiafa, assistant f&b manager all’Aman Venice. Ecco che cosa ci hanno risposto.

Domanda. Quali motivazioni la hanno spinta a scegliere il master Five Stars in Hotel Management?

Roberto Frau. Gli hotel di lusso mi hanno affascinato fin da bambino: la loro atmosfera elegante, il personale raffinato… Al termine della laurea in economia, la mia scelta è quindi naturalmente ricaduta sul Five Stars. Lo ritengo infatti un corso eccellente: un grande trampolino di lancio per una carriera manageriale nell’hôtellerie.
Giuseppe Arru. In Italia non mancano le opportunità formative nell’ambito turistico. Quando è arrivato il momento di decidere quale master di specializzazione frequentare, ho basato però la mia scelta su due aspetti fondamentali: la ricerca di un modello di formazione a 360 gradi, in grado di toccare tutti gli aspetti organizzativi e gestionali tipici di una struttura alberghiera, e la solidità del Forte Village, che già di per sé rappresenta una garanzia.
Diego Carafa. Sicuramente la sicurezza di due marchi come Forte Village e Luiss Business. A cui si aggiunge però anche l’ottima assistenza ricevuta da parte della segretaria Five Stars.

D. C’è qualcosa dell’esperienza didattica che l’ha sorpresa particolarmente?

R.F. Riponevo grandi aspettative nel corso. E, per la verità, sono state tutte pienamente soddisfatte. Mi hanno colpito soprattutto la serietà e lo spessore dei professionisti che hanno condiviso con noi momenti delle loro carriere, proiettandoci rapidamente nel mondo del lavoro.
G.A. Mi sento di dire che il master ha superato tutte le mie aspettative. E ciò sia per la qualità dei moduli formativi, sia se non soprattutto per la professionalità dei docenti. Il periodo di tirocinio, in particolare, è stato sorprendente: una esperienza veramente unica.
D.C. Mi hanno colpito molto le lezioni con i professori della Cornell: un approccio inedito e innovativo all’insegnamento.

D. Quali sono gli aspetti del master che oggi crede le siano di maggiore aiuto nel suo percorso professionale?

R.F. I tanti lavori fatti in gruppo. Ogni modulo prevedeva infatti qualche incarico da svolgere con i colleghi. Ma solo successivamente mi sono reso conto di quanto contassero quei piccoli progetti. Saper agire di squadra all’interno di una struttura alberghiera è fondamentale e indispensabile: l’hotel è una macchina complessa che gira all’unisono; basta un ingranaggio non perfettamente allineato, per causare disagi a cascata in ogni reparto.
G.A. Quando avevo iniziato a frequentare il master avevo già maturato un piccolo bagaglio di esperienza nel food & beverage. Senza ombra di dubbio, però, il Five Stars mi ha permesso di ampliare notevolmente le mie conoscenze di base, dandomi soprattutto l’opportunità di approfondire in dettaglio tutte le tecniche di gestione: dal controllo del bilancio al lavorare per target.
D.C. Oltre a perfezionare le mie conoscenze, il master mi ha consentito di apprendere nozioni su tutti i reparti dell’hôtellerie. Cosa non sempre facile da sperimentare.

D. Quali sono le prospettive che il master le ha aperto e che, senza di esso, avrebbe avuto difficoltà a garantirsi?

R.F. Sicuramente la possibilità di affiancare un revenue manager come Andrea Trudu (anche lui ex-allievo Five Stars), che mi ha dedicato tempo e pazienza, insegnandomi moltissimo. Devo molto a lui. Senza l’eccezionale attività di placement e il livello di formazione garantito dal master, dubito inoltre che avrei mai avuto l’opportunità di poter svolgere uno stage in uno dei migliori resort al mondo.
G.A. Oggi lavoro come direttore food & beverage a bordo di una bellissima nave Costa Crociere, che trasporta oltre 3.600 ospiti e 1.100 membri di equipaggio, di cui quasi 600 impiegati nel dipartimento f&b. Sono molto orgoglioso di quello che faccio e allo stesso tempo dei risultati che abbiamo ottenuto negli ultimi anni. E tutto questo lo devo al master, che mi ha permesso di acquisire la formazione necessaria e di prendere consapevolezza delle mie capacità.
D.C. Il master ha senz’altro dato un’accelerata al mio percorso professionale, garantendomi oggi l’occasione di ambire a posizioni di responsabilità in strutture del segmento luxury.

D. Si sentirebbe di consigliare questo percorso formativo agli altri?

R.F. Sì, senz’altro: durante gli undici mesi di corso hai veramente l’opportunità di partire dalle nozioni più teoriche, per proseguire con quelle più pratiche, fino ad arrivare a essere catapultato nel mondo del lavoro. Ed è veramente questo che ti fa crescere e ti fa capire quanto siano ardui e stimolanti i ruoli manageriali. Ciò detto, quello che fa la differenza è comunque e sempre la propria motivazione e la passione.
G.A. Ho già consigliato il master ad alcune persone e continuerò a farlo: non solo infatti fornisce conoscenze e competenze, ma insegna pure lo stile di vita e manageriale del mondo a 5 stelle.
D.C. Certo: per la validità dell’offerta formativa, per gli sbocchi professionali che offre e per i professionisti (insegnanti e colleghi di studi) che permette di conoscere.

Il programma in breve
www.masterfivestars.it

La Hotel Business School, nata nel 2008 dalla collaborazione tra il Forte Village Resort e la Luiss di Roma, risponde all’esigenza di formare risorse umane altamente qualificate in grado di operare nel settore dell’ospitalità di livello elevato. Il percorso didattico principale offerto dalla scuola è il master Five Stars in Hotel Management giunto ormai alla sua nona edizione.
Obiettivo prioritario del programma è quello di formare dei giovani manager, in grado di cogliere le opportunità di successo e crescita professionale nell’hospitality industry italiana e internazionale a 5 stelle, con un costante riferimento al segmento dell’offerta luxury.
Il percorso ha durata complessiva di undici mesi così articolati: cinque mesi di didattica in aula, presso l’Hotel Business School del Forte Village Resort; sei mesi di stage in hotel e resort a 5 stelle.
Le lezioni, di forte ispirazione pratica, sono tenute da professionisti del settore. Si dividono in due principali macro-aree: general management (finance, organizzazione aziendale, management accounting and control, Uniform system of account, business strategy) e hospitality management (f&b, room division, sales & marketing alberghiero e generale, housekeeping, spa management, human resources management, mice).
Il 70% delle lezioni sono tenute in lingua inglese e accompagnate da percorsi didattici di supporto, quali, per esempio, attività di orienteering in outdoor, moduli formativi della Cornell University, simulazioni di gestione degli alberghi e del reparto f&b (Chess e Crase business game), visite alla Itb di Berlino e alle strutture simbolo dell’ospitalità della città, seminari a cura della International Butler Academy, nonché momenti di cross-training on the job.
Requisiti essenziali per l’accesso al master sono: laurea (eccezionalmente sono ammessi diplomati con una pregressa esperienza nel settore); ottima conoscenza della lingua inglese; conoscenza dei principali programmi informatici; disponibilità al trasferimento sul territorio italiano e internazionale per lo stage. Il processo di selezione si articola nella valutazione del cv, nella somministrazione di test e in colloqui motivazionali individuali anche in lingua inglese. La prossima edizione del master (nona edizione) inizierà a gennaio 2017. Disponibile pure l’innovativa formula Campus Five Stars, grazie alla quale è possibile accedere a diversi servizi residenziali esclusivi del Forte Village durante l’intera fase d’aula. Una serie di contributi degli sponsor permettono l’assegnazione di alcune borse di studio a copertura parziale della quota di iscrizione.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati