Job In Tourism > News > News > Tanto tuonò che arrivò il ministero

Tanto tuonò che arrivò il ministero

Di Antonio Caneva, 22 maggio 2009

Le stranezze della politica: abbiamo il nuovo ministro del turismo quando ormai è stato delegato il delegabile alle provincie e alle regioni. Si guardava al decentramento come momento centrale del processo di individuazione delle potenzialità locali ma ciò non ha avuto grande successo, stimolando invece uno sviluppo disordinato e azioni promozionali (spesso costose) non coordinate.
Allora bentornato al ministero. Anche questo però è da valutare in considerazione delle azioni che verranno attuate. È chiaro che in un momento come l’attuale è difficile attendersi iniziative costose, quali la riduzione dell’iva sugli alberghi, intraprese invece da paesi nostri concorrenti.
Abbiamo poche risorse, utilizziamole bene. Piangiamo sul sito turistico nazionale (nato e morto) ma non possiamo neanche rallegrarci della promozione che viene fatta all’estero. Per esempio, recentemente ricordavo lo slogan con cui si promuoveva l’Italia alla Itb di Berlino, Lust auf die dolce vita (voglia di dolce vita): uno sgangherato revival di momenti passati.
Proprio in considerazione delle difficoltà attuali è però lecito attendersi da parte del ministro un coinvolgimento di tutti gli attori presenti sul mercato – pubblico, privato, trasporti, istituzioni finanziarie, enti di promozione – con l’obiettivo, finalmente, di creare sistema; cioè quanto ha permesso alla Spagna, negli anni scorsi, di decollare turisticamente.
Siamo attualmente quinti nella classifica turistica mondiale. Non credo riusciremo a risalire la china, tante sono le viscosità del nostro sistema, ma anche mantenere questa posizione richiede impegno.
Ci auguriamo che il nuovo ministro sappia interpretare le istanze di un comparto tanto importante e soprattutto che privilegi, piuttosto che le presenze istituzionali di vetrina, un costruttivo lavoro di ampio respiro, seppur oscuro, di cui il turismo nel nostro paese ha tanto bisogno.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati