Job In Tourism > News > News > Su Job in Tourism offerte di lavoro da tutta Europa

Su Job in Tourism offerte di lavoro da tutta Europa

Grazie alla nuova partnership con YourCareerGroup, i professionisti italiani avranno presto accesso a un’ampia selezione di opportunità di impiego in tutto il Vecchio continente

Grazie alla nuova partnership con YourCareerGroup, i professionisti italiani avranno presto accesso a un’am

Di Massimiliani Sarti, 23 Marzo 2019

L’ospitalità è il primo settore ad aver creato un vero mercato del lavoro senza confini, dove le persone si spostano con facilità da un paese all’altro alla ricerca di nuove esperienze e opportunità. Nasce da questa semplice quanto incontrovertibile constatazione la nuova partnership tra Job in Tourism e YourCareerGroup: un network specializzato nel favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nei settori dei viaggi, dell’ospitalità e della ristorazione, attivo in ben sette differenti Paesi del Vecchio continente.

Pierre Emmanuel Derriks

«Il mondo del turismo, e quello dell’hôtellerie in particolare, è forse l’unico settore economico in cui si è davvero realizzato il sogno di un mercato unico europeo», racconta il managing director di YourJobCareer, Pierre-Emmanuel Derriks. «Ma è anche uno dei pochi comparti, in cui le persone sono ancora al centro delle strategie di sviluppo del business. Se è vero infatti che la tecnologia sta diventando un fattore sempre più importante per il successo delle imprese, l’ospitalità e più in generale il settore dei servizi alle persone non può ancora fare a meno dell’empatia di risorse genuinamente accoglienti e professionalmente preparate. Un adagio, questo, che vale a qualsiasi latitudine».

Domanda. Voi coprite un’area geografica che va dalla Polonia al Portogallo. Che differenza sperimentate tra i vari paesi in cui operate?

Risposta. Dipende dalle specifiche strutture dei singoli mercati. In Germania, per esempio, ci sono moltissimi business hotel con una diffusione delle strutture che copre praticamente l’intero territorio nazionale. Di conseguenza l’offerta di lavoro è tendenzialmente costante e ben distribuita. In Austria e in Svizzera, al contrario, riscontriamo un andamento maggiormente stagionale. Una tendenza, quest’ultima che si accentua ancora di più in Spagna. Ci sono in particolare due destinazioni specifiche, Ibiza e Mallorca, dove stagionalità ed elevata diffusione dei brand contribuiscono a condensare ulteriormente i periodi in cui gli hotel si dedicano alla selezione del personale. La Francia, invece, è un po’ una via di mezzo, ma data la forte presenza di hotel di catena spesso le campagne di recruiting si concentrano comunque in determinati momenti dell’anno. Tutto ciò rende la ricerca di risorse professionalmente preparate ancora più difficile di quanto non sia normalmente…

D. I talenti, insomma, continuano a scarseggiare…

R. Il settore, nonostante qualche miglioramento, continua a non godere di grande reputazione tra i giovani alla ricerca di un percorso professionale. Uno dei nostri obiettivi è perciò proprio quello di spiegare alle persone quanto sia bella e soprattutto ricca di soddisfazioni una carriera nell’ospitalità e nel mondo dei viaggi.

D.E come intendete riuscirci?

R.È un processo articolato, che comprende una serie di azioni grandi e piccole. A partire dai consigli che diamo ai nostri stessi clienti. Non siamo certo una società di consulenza, però siamo consapevoli che il mercato del lavoro è cambiato: le inserzioni scritte come si usava una volta, quando venivano pubblicate quasi esclusivamente sui giornali cartacei, non sono più funzionali; basta testi striminziti, scritti con pochissime parole per occupare quanto meno spazio possibile. Oggi servono contenuti più esaustivi, trasparenti e in grado possibilmente di attirare subito l’attenzione delle persone grazie a qualche bella foto. Ma collaboriamo anche con le principali associazioni del mondo alberghiero, in particolare la francese Umih e la tedesca Iha, nonché con l’europea Hotrec, per la realizzazione di studi e rapporti sul settore.

D.La nuova partnership con Job in Tourism permetterà ai professionisti italiani di avere presto accesso a un’ampia selezione di opportunità di lavoro in tutto il Vecchio continente: cosa cercano, a suo parere, gli albergatori europei nelle risorse della Penisola?

R.Sicuramente si aspettano di trovare un buon numero di collaboratori per i propri team di cucina. In fondo, i ristoranti italiani sono ormai un po’ ovunque e il loro fabbisogno di personale è in continua crescita. Un buon 70% circa delle offerte riguarderà quindi il comparto f&b. Ma in generale è diffusa in Europa un’ottima considerazione della tradizione dell’accoglienza italiana: sono convinto che un vostro connazionale, con una buona conoscenza delle lingue (soprattutto l’inglese, ma anche il francese o il tedesco) e qualche esperienza nel settore alle spalle, sia in grado di trovare lavoro ovunque nel continente in non più di un paio di settimane…

D.C’è qualche caratteristica particolare che ci viene riconosciuta?

R.La capacità di far sentire sempre le persone come fossero a casa propria. E per un’industria come quella dei viaggi e dell’ospitalità, credo che non esistano attitudini più importanti di questa.

D.Quali sono i vostri modelli operativi?

R.Il nostro compito può sembrare semplice: far incontrare domanda e offerta di lavoro attraverso la pubblicazione di inserzioni ad hoc. In realtà, dietro alle apparenze c’è un team di circa 130 persone, con un dipartimento sales piuttosto importante e un customer service composto esclusivamente da risorse dotate di una buona esperienze nell’hôtellerie, in grado cioè di parlare lo stesso linguaggio dei nostri alberghi-clienti. In più ci sono le partnership con varie realtà europee, tra cui turijobs nella penisola iberica e ora Job in Tourism in Italia.

D.Quali allora le potenzialità della nuova collaborazione con noi?

R.Moltissime. A partire dalle nuove opportunità che presto offriremo a tutti i candidati italiani proprio sui canali Job in Tourism. Ma nel prossimo futuro non escludiamo affatto ulteriori sviluppi, tra cui il rafforzamento della partnership nel campo dell’head hunting e la partecipazione comune alle principali fiere del lavoro europee. Più avanti, perché no, si potrebbe anche pensare a un’edizione internazionale del Tfp Summit in Germania e/o in Francia.

 

Identikit della compagnia

Fondato nel 1999 a Düsseldorf, oggi di proprietà di Stepstone, sussidiaria dell’editore digitale Axel Springer, YourCareerGroup è oggi presente in Austria, Francia, Germania, Polonia e Svizzera, nonché grazie alla partnership con turijobs, in Portogallo e in Spagna. Collabora con quasi 32 mila hotel, ristoranti, resort e navi da crociera e vanta tre divisioni distinte, ciascuna dedicata a un segmento differente: HotelCareer, GastroJobs e TouristikCareer.

 

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati