Job In Tourism > News > News > Starhotels, le iniziative di sviluppo

Starhotels, le iniziative di sviluppo

Di Luisa Nocentini, 2 febbraio 2001

Nel corso del convegno tenutosi a Napoli, lo scorso 26 gennaio, sulla formazione nel settore alberghiero, la presenza di Starhotels ha fornito un significativo contributo alla riuscita del dibattito. La dottoressa Elena Sarto, in rappresentanza dell’amministratore Elisabetta Fabbri ha tracciato un profilo dalla politica della società ed in questa occasione, presentiamo Elisabetta Fabbri ed alcuni degli aspetti dell’attività di Starhotels relativa alle risorse umane. Elisabetta Fabri, 38 anni, è l’Amministratore Delegato e Vice Presidente della compagnia Starhotels, fondata nel 1980 dal Cavaliere Ferruccio Fabbri, di cui ne è il Presidente. Cresciuta alla scuola del padre, nel segno di una mentalità

imprenditoriale attenta ai cambiamenti del mercato, ma fedele alla grande tradizione dell’ospitalità alberghiera italiana; si è formata nella prestigiosa scuola alberghiera di Losanna ed ha conseguito la laurea americana in Business Administration. Ha idee precise da seguire a capo dell’azienda di famiglia, idee che le derivano dalle sue esperienze di lavoro giovanile, quando “faceva la gavetta” nei vari stage in giro per il mondo e poi a Firenze. Degli anni del lavoro in albergo, nelle mansioni più operative, dice che ha imparato ad avvertire anche “le note più basse di quella armonizzazione di strumenti che deve essere la buona gestione di un albergo.” Nel 1991 Elisabetta Fabri si è innamorata di un albergo a New York, in un momento in cui la recessione economica rendeva interessante un investimento negli Stati Uniti, lo ha comprato, ristrutturato e lo ha battezzato “Starhotel The Michelangelo”, in onore del primo albergo della catena. Da allora si è dedicata principalmente a questa sfida americana, senza perdere i contatti con l’anima italiana dell’azienda, ed ha vinto la sfida. Lo “Starhotel The Michelangelo” è oggi l’albergo più richiesto nella zona di Times Square, con il suo inconfondibile stile di “villa italiana nel cuore di Manhattan”, tanto da essere un sicuro punto di riferimento per la clientela esigente e raffinata. Tra gli ospiti più illustri dello “Starhotel The Michelangelo” l’ex Presidente del Consiglio Massimo D’Alema, Sarah Ferguson, Cesare Romiti, Gianfranco Fini, Fedele Confalonieri, i Back Street Boys. “Abbiamo realizzato un progetto che ci dà grandi soddisfazioni, non solo economiche (è l’albergo dal più alto profitto della catena), ma principalmente perché siamo riusciti ad imporci all’attenzione di un mercato, quello di N.Y., dove la concorrenza è davvero feroce e ci siamo imposti tanto da essere all’undicesimo posto fra i 400 migliori alberghi statunitensi per i risultati economici conseguiti”

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE

La formazione del personale e il costante aggiornamento professionale rappresentano due aspetti integranti della filosofia Starhotels; il costante training delle risorse interne consente alla società di avvalersi di collaboratori in grado di operare nell’ottica di un’elevata customer satisfaction. In collaborazione con i principali istituti di formazione vengono periodicamente organizzati corsi esterni di marketing strategico e operativo, di gestione pricing, di tecniche avanzate di negoziazione, di customer relations, di gestione e controllo, di elaborazione dati statistiche. Inoltre, prestigiosi corsi di management avanzato, gestione strategica del servizio e della customer satisfaction vengono organizzati in collaborazione con la Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi di Milano.

L’ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE

Nella sede centrale Starhotels di Firenze lavorano oltre 100 persone ripartite nelle varie funzioni (acquisti, personale, commerciale, marketing, sviluppo prodotto, amministrazione, finanza, progetti, gestione), mentre nelle strutture alberghiere lavorano circa 600 persone. Alla filosofia di Starhotels – finalizzata a garantire un’offerta alberghiera di elevato standard qualitativo a un interessante rapporto qualità/prezzo – corrisponde una politica di accentramento gestionale che ha lo scopo di creare sinergie tra gli alberghi, valorizzare le risorse umane, pianificare gli investimenti, operare coerentemente per una crescita qualitativa del prodotto e del servizio nella sua globalità. La sede di Firenze definisce le strategie di controllo e di supporto alle unità operative periferiche, che possono così liberamente dedicarsi al cliente.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati