Job In Tourism > News > News > Si apre la caccia a Starwood

Si apre la caccia a Starwood

Molte le indiscrezioni sul futuro del gruppo, che pare essere alla ricerca di compratori

Molte le indiscrezioni sul futuro del gruppo, che pare essere alla ricerca di compratori

Di Marco Beaqua, 3 settembre 2015

Non si ferma il Risiko dell’hôtellerie globale. Anzi: tra fine luglio e l’intero mese di agosto le voci che si sono rincorse sui vari media internazionali hanno davvero del clamoroso. A cominciare dall’eventualità che due importanti gruppi alberghieri cinesi, dopo essersi fusi tra loro, si muovano poi alla conquista di Starwood Hotels & Resorts, andando così a formare la più grande compagnia dell’ospitalità al mondo.
Almeno così sostiene China Travel News: secondo la testata orientale le compagnie dell’ex Celeste impero, Plateno Group e Jin Jiang Hotels, avrebbero in effetti in corso dei colloqui volti a definire un possibile accordo di fusione, in grado di dare vita al più importante operatore del settore in Cina, dotato di un’offerta pari a qualcosa come 475 mila camere complessive. Il gruppo Jin Jiang è stato peraltro già protagonista di un’acquisizione “occidentale” di peso, avendo comprato, qualche mese fa, la compagnia francese Louvre Hotels. Un’operazione che gli ha permesso di conquistare la decima posizione della classifica Mkg Hospitality 2015 dedicata ai più grandi player internazionali dell’hôtellerie. Plateno, per parte sua, occupa la dodicesima piazza dello stesso ranking: una lista in cui il peso delle compagnie cinesi continua ad aumentare senza apparente soluzione di continuità.
Ma le indiscrezioni su Starwood non finiscono affatto qui: qualche mese prima era infatti circolata anche la voce che la compagnia americana stesse pianificando un’altra fusione clamorosa con il gruppo InterContinental (Ihg): “rumours”, come si direbbe in inglese, che le due compagnie si sono tuttavia premurate di smentire giusto a fine luglio. Ora però il britannico Sunday Times avrebbe raccolto ulteriori indiscrezioni in merito ai piani dei due gruppi: Starwood, in particolare, sarebbe davvero in cerca di compratori, tanto da avere (pare) già lanciato un’asta formale per la sua acquisizione. Un’ipotesi, quest’ultima, che sarebbe peraltro indirettamente confermata dalla recente mossa del cda della compagnia a stelle e strisce, che avrebbe dato incarico all’advisor Lazard bank di elaborare un piano strategico di rilancio del gruppo, senza escludere nessuna opzione sul tavolo: neppure quella di una eventuale fusione con un altro player internazionale. E tra i vari pretendenti, oltre ai cinesi, ci sarebbe oggi anche la francese Accor, nonché la compagnia americana Wyndham Worldwide.
Per quanto riguarda Ihg, infine, tramontata l’ipotesi Starwood, il gruppo sarebbe ora sulle tracce di nuove prede. La società starebbe infatti valutando la possibilità di accaparrarsi due realtà di medie dimensioni come l’operatore canadese Fairmont e il tedesco Movenpick. Alcuni insiders Ihg avrebbero peraltro dichiarato che il gruppo starebbe ancora decidendo quale direzione prendere, anche perché timoroso di un’eventuale concorrenza da parte dei fondi sovrani asiatici.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati