Job In Tourism > News > News > Shake&Write, la cultura del bere

Shake&Write, la cultura del bere

Di Pierpaolo Dutto, 1 gennaio 2001

www.museodeiliquori.it
www.culturadelbere.it
www.all-streaming.com

Un successo annunciato la seconda edizione del trofeo Shake&Write, la gara di cocktail fra squadre di giornalisti/barmen e clienti/barmen che si è svolta il 17 novembre scorso in occasione di “Expo dei sapori” alla Fiera di Milano
L’iniziativa rientra in un programma molto ricco di avvenimenti che ha come obiettivo quello di avvicinare i consumatori al mondo dei liquori e dei distillati portandoli ad apprezzare il bere “morbido”.
Nato da un’idea di Mauro Manni e con il patrocinio dell’Asa (Associazione stampa agroalimentare) e dall’Aibes (Associazione italiana barmen e sostenitori) il progetto si articola in diversi momenti di cui l’incontro alla Fiera di Milano è stato solo quello più spettacolare. Il trofeo Shake&Write è una gara di cocktail a squadre composte da un giornalista e un barman e da un cliente e un barman. La squadra viene formata in precedenza, dando così al barman la possibilità di insegnare le tecniche di miscelazione e il criterio con il quale è stata creata la ricetta. Durante la gara saranno poi il giornalista e il cliente a realizzare il cocktail da soli, sotto l’occhio attento del barman tutor.
La manifestazione Shake&Write è molto importante poiché serve per far capire praticamente ai giornalisti che la miscelazione richiede conoscenza dei prodotti, grande attenzione nel dosaggio degli ingredienti e nella scelta delle attrezzature e dei bicchieri. Un aspetto importante è anche la gestualità che deve essere sicura ed elegante. Hanno partecipato trenta testate (tv, quotidiani, settimanali, mensili e riviste di settore). Il pubblico si è molto divertito e ha assistito con grande partecipazione al simpatico spettacolo che si è svolto in uno splendido salotto di oltre 500 metri quadrati allestito da “Expo dei sapori” nella sala eventi. Durante tutta la manifestazione sui due maxi schermi in sala passavano immagini di una collezione di prodotti, oggetti e bottiglie datati dalla fine ‘800 al 1950. Una serie di spot pubblicitari degli anni ’50, ’60 e ’70 sono risultati ancora oggi attualissimi.
Impeccabile l’organizzazione Aibes per la gestione tecnica del concorso. La consegna di targhe, coppe, gadget e attestati a tutti i concorrenti ha chiuso in una atmosfera di grande amicizia la manifestazione. Hanno fatto gli onori di casa Gudrun Dallavia, presidente Asa, e Umberto Caselli, presidente Aibes. e Iba, associazioni patrocinatrici di Shake&Write.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati