Job In Tourism > News > News > Se c’è la buona volontà

Se c’è la buona volontà

Di Antonio Caneva, 11 giugno 2004

Talvolta basta veramente poco per attivare energie che altrimenti rimarrebbero sopite e, sostanzialmente, sprecate. Si vive in apnea, presi da molte cose nella giornata, che tolgono la capacità di riflettere, e anche quando lo si fa, difficilmente si trovano poi le risorse per realizzare idee non legate direttamente alla produttività aziendale.
Io invidio veramente le persone che hanno la capacità di una visione non unicamente utilitaristica, che realizzano progetti di cui gli altri trarranno vantaggio senza per questo prendersi troppo sul serio, consci come sono, in rapporto a quanto si potrebbe fare, della pochezza di qualsiasi azione si progetti.
Una delle difficoltà per i giovani che devono entrare nel mondo del lavoro è costituita dalla possibilità di essere visibili, di proporsi, evidenziando le proprie caratteristiche, gli interessi, le proprie capacità di analizzare i problemi. Chi ha terminato un percorso di studi generalmente realizza un lavoro (la tesi) che, in qualche modo, rappresenta la sintesi del proprio pensiero, delle proprie abilità e dell’attenzione portata a una determinata tematica. Partendo da questa considerazione e disponendo noi di un mezzo che consente grande visibilità (il sito www.jobintourism.it ) abbiamo pensato di aprire una vetrina per coloro che desiderassero proporre i propri lavori all’attenzione degli interessati. Abbiamo così realizzato una sezione in cui, con poca fatica (la grande fatica è stata quella di portare il sito ad avere 700 mila pagine visitate al mese) abbiamo iniziato a presentare le tesi più interessanti, i loro autori e i relativi curriculum.
A volte, per pudore, non si parla delle cose che riescono bene, ma in questo caso vogliamo fare un´eccezione: la sezione, pur realizzata con semplicità e contando ancora pochi elaborati, ha avuto un riscontro immediato, ben superiore alle aspettative. Ritenevamo che la familiarizzazione con questa nuova proposta avrebbe richiesto un po’ di tempo: errore, subito abbiamo avuto testimonianze di apprezzamento e, soprattutto, abbiamo verificato che anche importanti aziende hanno consultato i lavori proposti, contattando gli autori. È motivo di soddisfazione riuscire a trasformare le fatiche di giovani, che rischiano altrimenti di restare una mera esercitazione culturale, in qualcosa di vivo e di utile, sia per gli autori sia per chi ha necessità di attingere informazioni.
Come accennavo all’inizio, talvolta basta solo un po’ di buona volontà.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati