Job In Tourism > News > News > Roma, una cornice unica

Roma, una cornice unica

Di Bruno de Caria, 2 febbraio 2001

Già nel numero del 19 Gennaio, abbiamo dato informazione sull’evento e desidero fornire un consuntivo sulla manifestazione, che è stata molto apprezzata da tutti coloro che vi hanno preso parte. Premettetemi, innanzitutto, di presentarvi le persone che hanno organizzato il Congresso e che per oltre un anno e mezzo, hanno dedicato parte del loro tempo libero (lavorando spesso fino a notte inoltrata) nel seguire la preparazione. Il team romano che mi ha fatto compagnia in questo periodo era composto da Francesca Montemaggiori e Paola Conversi-Hotel Majestic, Eliso Castelluccio-Hotel Sofitel, Mariano Paesani-Hotel Lord Byron, Daniele Saladini-Empire Palace Hotel, Lorenzo Amaglio-Hotel Hassler, Maurizio Tistarelli-Hotel Nazionale, Andrea Pinchetti-Hotel Holiday Inn St. Peter’s, Vittorio Turrini-Hotel Summit, Massimiliano Cardone-Hotel Raphael, Roberto Ferrari-Aran Park Hotel. Nelle fasi finali abbiamo potuto contare sul valido supporto di Luisa Benetti-Hotel Parco S. Marco, Cima di Porlezza SO. A questi amici, va il mio sentito ringraziamento per essersi dedicati con tanta passione all’organizzazione del Congresso e per avermi sopportato in questo lungo periodo di preparazione. Le fasi del XV Congresso hanno alternato momenti di lavoro ad appuntamenti culturali e conviviali. La città di Roma ha offerto una cornice indubbiamente unica e, seppur non assistiti dal tempo, i partecipanti hanno effettuato visite indimenticabili, quali i Musei Vaticani e Capitolini, Le Basiliche di S. Pietro, S. Giovanni, S. Paolo fuori le mura, Il Foro Romano, oltre a passeggiate nei quartieri più affascinanti della Capitale. Come non può mancare nella tradizione italiana, una particolare attenzione è stata posta anche all’aspetto gastronomico, molto apprezzato dalle persone di altri Paesi che riconoscono, all’unanimità, che la cucina italiana è in vetta alle classifiche in termini di qualità, fantasia e gusto. Oltre alle specialità della cucina romana, abbiamo realizzato una cena dedicata ad un tour gastronomico dove sono stati inseriti piatti di diverse regioni italiane con indicazione sulla provenienza geografica di ciascuna portata. L’idea ha avuto successo, tanto che c’è chi ha intenzione di inserire nel ristorante del proprio albergo la grafica del menu da noi utilizzata. Come già detto, non solo la cultura e la cucina hanno caratterizzato il nostro congresso. Parliamo quindi dei lavori svolti nei giorni 18 e 19 Gennaio. In ogni congresso, che si tiene ogni due anni, si svolgono gli incontri del comitato internazionale e dei Presidenti delle sezioni, e l’assemblea generale dei Soci. Un altro appuntamento, che ha cadenza annuale, è la finale internazionale del trofeo David Campbell che vede l’elezione del miglior receptionist dell’anno. La finale, coordinata dalla bravissima Jane Renton, si è svolta il 18 Gennaio presso il Jolly Hotel Leonardo da Vinci e vi hanno preso parte i finalisti delle sezioni dell’AICR. La vincitrice è stata la Sig.na Janine Muhl dell’Hotel Gorge V di Parigi. La proclamazione è avvenuta al termine della cena di gala. Durante i lavori del comitato internazionale e dei Presidenti, svolti la mattina del 19 Gennaio presso la Sala del Carroccio del Campidoglio, si è tracciato un bilancio generale delle attività della nostra Associazione e sono stati definiti gli appuntamenti internazionali del prossimo triennio. Il prossimo congresso internazionale si terrà, nel 2003 a Berlino, mentre nel 2002 e 2004 le finali del trofeo David Campbell si terranno, rispettivamente, a Bruxelles e Londra. E’ stata inoltre ribadita l’importanza che vengano coinvolti altri Paesi che al momento non hanno una propria sezione. Nel pomeriggio dello stesso giorno si è svolta, nella sala della Protomoteca del Campidoglio, l’Assemblea generale internazionale, durante la quale, oltre al rapporto del Presidente e del tesoriere, ogni Presidente ha relazionato sulle attività svolte da ogni

singola nazione e sui programmi futuri.

Le attività, con fasi alterne, sono vivaci in ogni Paese e cresce sempre di più l’interesse dei colleghi nel voler far parte dell’AICR che offre interessanti opportunità di crescita professionale, attraverso l’organizzazione di seminari e convegni, e di contatto con un grande numero di colleghi che operano nei più importanti Hotels del mondo. Nel corso dell’Assemblea vi è stata l’elezione del nuovo Presidente internazionale che per i prossimi due anni sarà Klaus Kabelitz, House Manager del Claridge’s di Londra. E’ nel corso della cena di Gala, tenutasi presso l’Hotel Cavalieri Hilton, che il nuovo presidente ha presentato il Consiglio internazionale che lo coadiuverà per il prossimo biennio. Questua la composizione: David Cowdery, Jane Renton, Joanne Bowen, Graham Bamford, Karen Marchant (UK), Bruno De Caria (Italia), Oliver Heldt (Germania), Marcel Elbaz (Francia), Stefan Bernstein (Belgio), Kenneth Low (Singapore). Questa la breve cronaca del XV Congresso Internazionale che, desidero ricordare, è stato soprattutto caratterizzato dal grande spirito di amicizia che sempre contraddistingue i nostri congressi che, nonostante abbiano una cadenza biennale, danno la netta sensazione di incontri tra amici che quotidianamente si frequentano. Non mi resta quindi che darvi appuntamento a Berlino, sia ai Soci iscritti, sia a coloro che nel frattempo vorranno unirsi al nostro grande gruppo. Amicalmente Bruno De Caria Presidente AICR Italia

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati