Job In Tourism > News > News > Restyling per i marchi

Restyling per i marchi

Di Antonio Caneva, 21 settembre 2001

La fortuna di alcuni dei principali gruppi alberghieri al mondo nasce dalla riconoscibilità dei propri marchi: dalla identificabilità della filosofia che il logo riesce a trasmettere e dalle emozioni che da esso scaturiscono. Se prendiamo ad esempio la Cendant Corp. di Parsippany, abbiamo il più grande gruppo alberghiero al mondo con 6.455 alberghi per 541.313 camere operate però sotto diversi marchi, dal Howard Johnson al Days Inn al Ramada negli U.S.A., capaci di diversi messaggi. L’aumento d’importanza del marchio, in un periodo di crescente competitività, è visto come fattore strategico ed attualmente è oggetto di attenta considerazione da parte di tutti gli operatori; al momento si assiste ad un fenomeno generalizzato di rivisitazione dei loghi legato spesso ad un processo di riposizionamento. Summit Hotels and Resorts ha, tra l’altro, rivisto la propria grafica verso una distinzione di eleganza; Sofitel, come spiega Beatrice Mariotti, chief executive dell’agenzia di design Carré Noir, che ha creato il nuovo logo, lo illustra così: il logo deve rappresentare una gemma delicata e la montatura rafforza la presenza e la personalità del marchio; Bass Hotels ha presentato la nuova denominazione Six continents, illustrata da un cielo stellato; il gruppo Bonaparte si è trasformato in UNA hotels, caratterizzato nel disegno da scudi, richiamati in una simpatica campagna stampa, il gruppo Envergure ha unificato i marchi di Clarine e Climat de France nel nuovo arabeggiante Kyriad. Per l’albergatore che sviluppi un proprio logo o che decida di aderire alle varie proposte di aggregazione, alla base deve esistere la piena consapevolezza dell’importanza della scelta, che accompagnerà, e spesso condizionerà le decisioni future. Come afferma Fiammetta Ariani della Ariani & partners “Il marchio di un albergo diventa sempre più importante nel panorama alberghiero internazionale in quanto il consumatore tende sempre più a scegliere in funzione degli standard che tale marchio rappresenta. E’ primario che un albergo individuale scelga il marchio che più si addice alla propria struttura: solo così potrà trarre il massimo beneficio sia in termini commerciali sia di immagine”.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati