Job In Tourism > News > News > Priceline-Expedia: la sfida infinita

Priceline-Expedia: la sfida infinita

Di Job in Tourism, 26 novembre 2015

Una guerra senza esclusione di colpi: le major della distribuzione online non risparmiano investimenti e colpi di scena alla ricerca delle maggiori economie di scala possibili e soprattutto della tanto agognata posizione dominante sul mercato. Poco dopo l’annuncio della partnership tra Priceline e TripAdvisor, che ha appena inaugurato un proprio sistema di Instant booking, Expedia ha infatti risposto rivelando che anche il suo meta-portale Trivago si sarebbe aperto alle prenotazioni dirette: prima in Germania e successivamente nei paesi anglofoni, per poi espandere il servizio anche nel resto del mondo. Neanche il tempo di abituarsi alla novità, che la stessa Expedia ha sorpreso ancora una volta il mercato con un’altra mossa dai tratti clamorosi: il mega-acquisto del sito dedicato agli affitti delle case vacanze, HomeAway, per una cifra di 3,9 miliardi di dollari. Tale transazione è peraltro solo l’ultima di una lunga serie, che ha visto i due gruppi spendere complessivamente più di 11,5 miliardi di dollari in acquisizioni dal 2013 a oggi. Per quanto riguarda Expedia, all’accordo con HomeAway si deve infatti aggiungere, tra gli altri, anche quello con la stessa Trivago di due anni fa (632 milioni di dollari per una quota del 62%), nonché con altri protagonisti dell’e-commerce turistico come Orbitz (1,6 miliardi di dollari) e Travelocity (280 milioni di dollari), entrambi annunciati sempre nel 2015. Priceline, per parte sua, vanta l’acquisto del meta-motore Kayak nel 2013 (1,8 miliardi di dollari), nonché altre operazioni importanti nel 2014, tra cui quella con il portale di prenotazione ristoranti OpenTable (2,6 miliardi di dollari).

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati