Job In Tourism > News > News > Notizie in Pillole – 12/03/2010

Notizie in Pillole – 12/03/2010

Di Job in Tourism, 12 marzo 2010

Stg, un marchio europeo anche per la pizza

Fatta con pomodoro, mozzarella di bufala Dop o mozzarella Stg, olio extravergine d’oliva e origano, ha un diametro non superiore ai 35 centimetri, il bordo rialzato (cornicione) di uno spessore compreso tra 1 e 2 centimetri e una consistenza insieme morbida, elastica e facilmente piegabile a libretto. Sono queste le caratteristiche ufficiali che deve avere la vera pizza napoletana Stg, secondo quanto stabilito dal marchio europeo di origine controllata «Specialità tradizionale garantita» (Stg, appunto). Ideato col fine di tutelare i prodotti agricoli e alimentari che presentano una specificità nel metodo di produzione legata alla tradizione di una zona, ma che non vengono realizzati necessariamente solo in tale zona, il marchio è stato recentemente esteso anche al celebre piatto napoletano e impone ai titolari delle pizzerie, che se ne intendano fregiare, di rispettare il disciplinare di produzione e di iscriversi all’apposito registro dei produttori di pizza Stg.

Le ambizioni di Marriott in Europa

Il raddoppio del proprio portafoglio nel Vecchio continente entro il 2015. È l’ambizioso obiettivo recentemente annunciato dal president and managing director di Marriott International Europe, Amy McPherson: «Vediamo forti opportunità di crescita in tutta Europa, soprattutto nelle città secondarie e all’interno dei mercati emergenti». Il gruppo intende, infatti, portare la propria offerta nel Vecchio continente dalle attuali 40 mila a 80 mila stanze. Tra i già quasi 30 nuovi progetti avviati ci sono, tra gli altri, anche il Renaissance Moscow Monarch Center hotel, il Courtyard by Marriott Budapest e il Jw Marriott hotel Ankara, le cui inaugurazioni sono previste tutte entro la fine di quest’anno. Ma i progetti della compagnia includono anche due nuovi marchi: l’Edition, una collaborazione boutique-lifestyle fra il gruppo Ian Schrager e Marriott, e l’Autograph collection, brand di recente creazione che comprende hotel e resort indipendenti di alto livello. «Data la presenza di molti piccoli gruppi indipendenti nell’area, ci aspettiamo peraltro che diverse strutture in Europa diventino proprio Autograph collection», ha affermato il chief development officer di Marriott International Europe, Carlton Ervin.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati