Job In Tourism > News > Tecnologie > Messaging Apps: curare la relazione con gli ospiti

Messaging Apps: curare la relazione con gli ospiti

Prosegue la nostra rubrica in collaborazione con MailUp per esplorare strategie, strumenti e tappe del customer journey

Prosegue la nostra rubrica in collaborazione con MailUp per esplorare strategie, strumenti e tappe del custom

Di Mailup, 16 Maggio 2019

Eccoci al secondo appuntamento del nostro percorso in quattro tappe per esplorare nel dettaglio il concetto di customer journey applicato al turismo, e scoprire quali sono le strategie e gli strumenti indispensabili ad aziende e professionisti nel nostro settore. Oggi ci occupiamo di Messaging Apps

Dove sta andando il marketing e la relazione con il cliente? Sempre più verso una logica di conversazione.
Ad assecondare questa evoluzione saranno sempre di più le applicazioni di messaggistica. A dircelo sono i dati: secondo Business Insider già nel 2015 il traffico sulle piattaforme di messaging (Twitter, Facebook, LinkedIn e Instagram) ha superato quello sui social network. E oggi la forbice si è ancora più allargata; secondo Statista poi gli utenti di messaging apps nel mondo sono passati da 1,58 miliardi nel 2016 a 2,01 nel 2018, fino alla proiezione per il 2021 che ci dice che l’utenza mensile sarà di 2,48 miliardi di persone.
Insomma, le messaging apps rappresentano il canale digitale più ricco di potenzialità. E il turismo è tra i settori che meglio possono trarne vantaggio. La tecnologia per farlo esiste: una piattaforma di invio come MailUp che – oltre alle email e agli SMS – consente di creare, inviare e tracciare campagne per Facebook Messenger e Telegram.

Ora vediamo alcuni scenari di marketing e comunicazione che le aziende possono mettere in pratica tramite Messaging Apps, consigliandovi inoltre la lettura di un ebook dedicato al tema: Cosa puoi fare con Messaging Apps.

1. Recapitare contenuto
Il Content Marketing è una delle leve più preziose a disposizione di un’azienda. Ecco che le messaging apps consentono di inviare automaticamente ai contatti i nuovi post del blog e ogni contenuto dedicato a mete, viaggi e soluzioni.
Con Messaging Apps possiamo mettere a punto una campagna automatica che recuperi automaticamente i contenuti più recenti dal blog e li trasformi in notifiche inviate tramite Facebook Messenger o Telegram.

2. Accompagnare gli ospiti verso il giorno della partenza
Con Messaging Apps le strutture possono migliorare sensibilmente l’esperienza dell’ospite comunicando preziose informazioni, utili nei giorni del soggiorno o del viaggio, direttamente su Facebook Messenger o Telegram. Alcuni esempi?
Due settimane prima del viaggio: Gli eventi in programma nella zona del soggiorno
Una settimana prima del viaggio: Le cose da vedere e le attività da fare
Tre giorni prima: Reminder e augurio di buon viaggio
Giorno stesso: Password per il wi-fi e altre info utili

3. Promuovere le offerte
Uno dei migliori scenari prevede che le realtà del turismo sfruttino un canale di ultima generazione come Messaging Apps per promuovere offerte di viaggio e soluzioni di pernottamento.
Se la vostra realtà prevede piani di sconto e un calendario di promozioni, Facebook Messenger e Telegram sono due fondamentali strumenti per veicolarli. A patto che non si esageri con frequenze ed eccessivo taglio pubblicitario.

4. Fornire assistenza
Quanto è importante dare la possibilità a utenti e clienti di mettersi in contatto con la vostra agenzia o struttura nel modo più immediato e semplice possibile?
Si sente ripetere spesso che “il servizio clienti sui social media è il nuovo marketing”. Non a caso Facebook ha rilevato che il 56% delle persone preferisce un messaggio piuttosto che chiamare il servizio clienti dell’azienda.
Il team marketing di una realtà del turismo può servirsi del canale Messaging Apps per inviare comunicazioni di servizio, delegando poi al team customer care la gestione manuale delle problematiche avanzate da ciascun utente.
Il grande potenziale di supporto al cliente di Facebook Messenger sta nella sua capacità di integrarsi con Zendesk e altre piattaforme di customer care, così da facilitare la gestione delle richieste, il tracciamento della storia del cliente e la generazione di ticket.

5. Arricchire il profilo di ciascun contatto
Un altro preziosissimo scenario può essere quello di arricchire le informazioni sulla propria audience circa le preferenze, gli interessi e le esigenze di ciascuno. Obiettivo? Poter contare su una mole di dati da sfruttare per indirizzare a ciascun destinatario comunicazioni (email e SMS) profilati nel dettaglio e, di conseguenza, ottenere migliori performance.
Una possibile via può essere quella di creare un messaggio su Facebook Messenger che contenga una call to action chiara e diretta; al clic, il destinatario verrà indirizzato a una survey ospitata dove gli sono richiesti interessi, gusti e preferenze relativi a viaggi e soluzioni di pernottamento.

È tutto per questa seconda puntata. Appuntamento alla prossima, dove entreremo nel dettaglio di un’altra efficace strategia digitale dedicata alle realtà del turismo.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati