Job In Tourism > News > Professioni > L’Ehma affronta il tema parity rate

L’Ehma affronta il tema parity rate

Alla riunione autunnale di Sanremo in programma anche le elezioni del delegato nazionale

Alla riunione autunnale di Sanremo in programma anche le elezioni del delegato nazionale

Di Marco Bosco, 15 ottobre 2015

La questione è tra le più calde del momento: «Parity rate e online travel agencies. Come ridurre il peso delle commissioni applicando la decisione dell’Antitrust». Se ne parlerà in occasione della riunione dell’Italian Chapter Ehma, in programma presso il Royal Hotel di Sanremo dal 23 al 25 ottobre 2015. Il focus del tradizionale meeting autunnale della European hotel managers association, in effetti, non è stato scelto a caso: la materia è al centro di quasi tutti i dibattiti sull’ospitalità, da quando l’Autorità garante della concorrenza ha concluso, a fine aprile, la propria istruttoria nei confronti delle società del gruppo Priceline (tra cui Booking.com). A seguito della decisione dell’Antitrust, gli alberghi possono infatti ora stabilire liberamente il numero e la tipologia di camere da porre in vendita sui vari canali online e sul proprio sito Internet, senza alcun obbligo di riconoscere condizioni preferenziali ai grandi portali. Per quanto riguarda la parity rate, invece, gli hotel hanno sì la possibilità di pubblicare tariffe diverse su agenzie web differenti, ma devono continuare a proporre su Booking.com il medesimo prezzo pubblicato sul proprio sito.
Una soluzione controversa che non ha mancato di sollevare le critiche del settore (Federalberghi ha attualmente in essere un ricorso presso il Tar), tanto che persino il Parlamento italiano si è recentemente occupato della faccenda, introducendo a larga maggioranza un emendamento alla legge sulla Concorrenza, che mira proprio ad abolire il valore contrattuale delle cosiddette clausole di parity rate. La norma è stata approvata pochi giorni fa con larga maggioranza alla Camera, ma deve tuttavia ancora terminare il proprio iter parlamentare (manca per lo meno un passaggio in Senato). In attesa perciò che questa entri finalmente in vigore, la stessa sentenza Antitrust offre comunque alcune interessanti possibilità per gli operatori dell’ospitalità.
E proprio sulle finestre di opportunità aperte dalla sentenza dello scorso aprile si concentrerà il tradizionale momento formativo dell’Italian-Chapter, a cura questa volta del direttore generale di Federalberghi, Alessandro Massimo Nucara. Il suo intervento è in programma sabato 24 ottobre, in occasione della riunione riservata ai soci italiani Ehma, presieduta dal delegato nazionale e general manager del milanese Principe di Savoia, Ezio Indiani. Durante la stessa mattinata verrà quindi illustrato il programma della quarantatreesima assemblea generale Ehma «Cyprus 2016»: un appuntamento particolarmente importante, perché vi si terranno le elezioni presidenziali, dei collegi dei probiviri e dei revisori dei conti. Sarà quindi doveroso valutare, proprio a Sanremo, l’eventualità di candidature italiane. Durante il meeting dell’Italian-Chapter si parlerà inoltre dei nuovi soci in pectore, da presentare al consiglio direttivo del successivo 31 ottobre a Jerez de la Frontera, e si svelerà il nominativo del vincitore del prestigioso titolo di Hotel manager Italia 2015. Ma soprattutto il congresso di Sanremo dovrà votare le cariche di delegato nazionale e sostituto per il triennio 2016-2018. Grazie anche alla preziosa opera organizzatrice del general manager del Royal Hotel, Marco Sarlo, sarà poi molto ricco, come sempre, il programma leisure dell’evento, che prevede numerose iniziative a corollario della riunione dei soci.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati