Job In Tourism > News > Editoriale > Le sorprese dell’Almanacco | The Almanac’s surprises

Le sorprese dell’Almanacco | The Almanac’s surprises

Di Antonio Caneva, 22 Marzo 2019

Sto sfogliando l’Almanacco di Job in Tourism 2019: più che altro guardo le belle immagini, i testi mi interessano poco, di questi argomenti so tutto…

Marco Novella, direttore del Lanesborough di Londra, 350 dipendenti per 93 camere, di cui 47 suite. Mi soffermo sulla domanda del giornalista: «Quanto è cambiata la professione in questi tempi?». «Moltissimo, Ora è tutto molto veloce. Non c’è più nessuno che elabori strategie quinquennali. La pianificazione è al massimo triennale, ma viene comunque rivista in continuazione sulla base dei risultati ottenuti. Questi, per di più, non vengono analizzati solamente al momento della chiusura dell’anno finanziario. La disponibilità di dati perennemente aggiornati consente infatti valutazioni costanti, sia in rapporto allo storico dell’azienda, sia nei confronti del proprio benchmark di riferimento».

Interessante, mi era sfuggito…

A pagina 33 mi attira il titolo: «È il momento dei concept ibridi». Cioè? Il sottotitolo chiarisce: «The Student Hotel (gruppo olandese, che ha realizzato la prima struttura a Rotterdam) sbarca in Italia con il Firenze Lavagnini: una struttura un po’ studentato, un po’ alloggio per giovani professionisti, un po’ albergo per ospiti tradizionali». Ma guarda che cosa… Soprattutto si scopre che è una formula di successo che vedrà nei prossimi anni l’apertura di dieci unità in Italia!

Questa poi.

Una bella immagine mi riempie gli occhi: il Pellicano di Porto Ercole. Ma è il titolo dell’intervista a Michele Sambaldi, managing director del gruppo che richiama maggiormente la mia attenzione: «Il crm: la versione 2.0 del know how relazionale», con il sottotitolo «La nuova strategia di customer relationship management di Pellicano Group: obiettivi, sfide e indici di misurazione di uno strumento prezioso». Che bello: lo leggo con attenzione perché stiamo anche noi costruendoci un crm.

Mi viene un dubbio: ma, non sapevo già tutto? Bah!

Un’interruzione e chiudo il libro. Nel metro per casa, annoiato dal guardare in giro, riapro a caso il volumetto e leggo: «Il viaggio diventerà trasformazionale». Anch’io sto facendo un viaggio, ma questo articolo parla di una cosa diversa, chiarita subito sotto: «L’inventore del concetto di economia dell’esperienza, Joseph Pine, approfondisce il rapporto tra nuovi modelli di business e turismo».

Ormai sono arrivato, finirò di leggere a casa.

Allora, forse, non conosco tuto delle tematiche che attengono al turismo…

 


 

The Almanac’s surprises

I am leafing through the Almanacco di Job in Tourism 2019, I mostly look at the pictures, I have little interest in the text, I already know just about everything about these topics.

Marco Novella, manager of The Lanesborough in London, 350 employees for 93 units, including 47 suites. I read the interviewer’s question: “How has the profession changed in these times?”. “Immensely. Now everything is much faster. Nobody works out five-year strategies anymore. Planning is for three years at the longest, but is reviewed constantly on the base of results. Also, performance is not only analysed at the close of the fiscal year. The availability of constantly updated information actually allows for continuing evaluation, with regard to both the company’s history and its benchmarks.”

Interesting, I hadn’t thought about it.

On page 33 I am attracted by the headline: ”Is this the moment of hybrid concepts?” That is? The subheading clarifies: “The Student Hotel (a Dutch group which opened its first location in Rotterdam) lands in Italy with Florence Lavagnini: between a student residence, a home for young professionals and a hotel for traditional guests”. Well, that’s something! Above all, it seems that it is a success story, and will open up ten facilities in Italy in the coming years!

Wow!

A beautiful image fills my eyes: the Pellicano in Porto Ercole. But my attention is mainly caught by the heading of the interview with Michele Sambaldi, Managing Director of the group: “CRM: the 2.0 version of relational know-how” with the subheading “The new customer-relationship management strategy of Pellicano Group: the objectives, challenges and metrics of a valuable tool”. How nice. I read it carefully because we are also setting up a CRM system.

This makes me wonder, didn’t I already know everything? Well…

I get interrupted and close the book. On the metro going home, bored with looking around, I open it up again at random, and read: ”Travelling will become transformational”. I am also travelling, but this article is about something else, which is clarified right below: “The inventor of the experience economy concept, Joseph Pine, analyses the relationship between new business models and tourism”.

Now I have arrived, I will finish reading at home.

So, maybe, I don’t really know everything about tourism issues…

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati