Job In Tourism > News > Territorio > Le Dolomiti patrimonio naturale dell’umanità Unesco

Le Dolomiti patrimonio naturale dell’umanità Unesco

Di Giorgio Bini, 10 luglio 2009

Dal 26 giugno le Dolomiti sono finalmente parte della lista Unesco dei patrimoni naturali dell’umanità. A contribuire al successo della catena alpina estesa per ben 142 mila ettari (più 85 mila ettari di aree cuscinetto), nonché divisa in nove gruppi montani sparsi tra le province di Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone e Udine, una bellezza riconosciuta a livello universale ma difficilmente spiegabile in poche parole: spettacolari pareti verticali, fatte di guglie frastagliate, di cime aguzze e pinnacoli, che contrastano con i pendii più dolci e gli altopiani; una varietà di forme e geometrie, amplificata dalle tonalità differenti che nell’arco della giornata colorano e danno un aspetto sempre nuovo al paesaggio. Non solo: alle Dolomiti viene riconosciuto anche un valore geologico, grazie alla concentrazione di diverse forme rocciose e calcaree, confermate da importanti ritrovamenti fossili. Infine, pur non essendo questo uno dei parametri dell’Unesco, l’habitat delle Dolomiti vanta una straordinaria biodiversità, caratterizzata da ben 2.400 specie riconosciute.
A beneficiare del fresco riconoscimento Unesco saranno così anche le località italiane che fanno parte dell’associazione Alpine pearls. Quest’ultima riunisce 21 differenti destinazioni dell’arco alpino, situate nel nostro paese, in Austria, in Germania, in Svizzera, in Francia e in Slovenia, accomunate dalla volontà di promuovere un turismo consapevole, eco-sostenibile e all’insegna della mobilità dolce. Tutte le località che aderiscono all’associazione osservano, infatti, severi parametri sull’utilizzo di trasporti privati e pubblici a basso inquinamento, nonché sul controllo e sulla riduzione delle emissioni di Co2. Tra le perle alpine delle Dolomiti, tutte altoatesine, ci sono così Funes e Racines, situate ai piedi del gruppo Puez-Odle, nonché Nova Levante, Nova Ponente, Tires e Collepietra Cornedo, che invece appartengono al gruppo Rosengarten-Latemar

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati