Job In Tourism > News > Outsourcing > La tempestività chiave dell’ospitalità contemporanea

La tempestività chiave dell’ospitalità contemporanea

RoomChecking garantisce il risparmio di una risorsa (circa 26 mila euro all'anno); riduce inoltre le telefonate tra comparti dell'80% e soprattutto i complaints dei clienti del 70%

RoomChecking garantisce il risparmio di una risorsa (circa 26 mila euro all'anno); riduce inoltre le telefona

Di Giorgio Bini, 17 maggio 2018

Negli ultimi anni gli hotel si affidano sempre più ai servizi di outsourcing. «La motivazione non è un segreto», racconta Giovanni Borriello, presidente di HPoint, che al prossimo Web in Tourism sarà presenta anche con la nuova piattaforma It RoomChecking: «Esternalizzare significa spesso ottenere risparmi tangibili e garantire una gestione più efficiente della struttura, che non grava più sulla direzione e sul management d’impresa».
In tale contesto, è quindi mutata la stessa organizzazione dei processi aziendali, grazie anche alla digitalizzazione progressiva di informazioni e sistemi di comunicazione interna: «La tempestività, in effetti, è una caratteristica ormai indispensabile per qualsiasi impresa alberghiera», aggiunge Borriello. «L’ospite di oggi appartiene infatti quasi sempre a un target informato e aggiornato, in grado di fornire idee e recensioni online sul trattamento ricevuto in hotel. È così che i portali alla TripAdvisor sono diventati collettori di vere eccellenze… e di errori imperdonabili».

Domanda. Quali allora le soluzioni che la tecnologia mette a disposizione degli hotelier?
Risposta. Ci vogliono applicazioni ad hoc, dedicate agli ospiti e al team aziendale: dal lato cliente è per esempio possibile migliorare le vendite, con prodotti e attività in up-selling plasmate su ogni specifico target di riferimento. Mentre in ambito aziendale, la condivisione delle informazioni via app permette di mantenere costantemente aggiornato l’intero staff, in questo modo ottimizzando tutti i processi interni.

D. Che cosa vi sentite di consigliare perciò agli albergatori?
R. Strumenti flessibili intuitivi e di facile utilizzo, in grado di porre al primo posto l’efficienza della struttura alberghiera. In altre parole, un programma come RoomChecking, che consente di conoscere on-time lo stato delle camere, l’avanzamento delle attività di manutenzione, i consumi e l’inventario di magazzino: un aiuto sostanziale al back office, per rendere l’esperienza dell’ospite il più piacevole possibile.

D. Avete avuto modo di quantificare i benefici reali di RoomChecking?
R. Il programma è oggi già ampiamente utilizzato sia da hotel di catena, sia da strutture indipendenti. Da uno studio campione effettuato sui nostri clienti, abbiamo quindi rivelato quanto tale applicazione sia utile nell’ottimizzazione di tempi e personale, garantendo un risparmio medio annuo di un valore pari a circa 26 mila euro. Il che equivale praticamente a dire che, con il budget in questo modo preservato, sarebbe possibile assumere una risorsa in più. A tutto beneficio della qualità del servizio finale ai clienti. Non solo: chi utilizza RoomChecking registra solitamente l’80% in meno di telefonate tra comparti e soprattutto ben il 70% in meno di complaints da parte degli ospiti.

L’applicazione in breve
www.roomchecking.com/it – www.hpoint.it

Parte del network di servizi HPoint, RoomChecking è un software dedicato al mondo alberghiero, capace di connettersi a qualsiasi property management system, per estrapolare tutte le informazioni utili a rendere la comunicazione tra reparti più efficiente e veloce possibile. Tramite semplici app mobile, il programma mette in relazione tutti gli attori dell’hotel: il reparto housekeeping e la governante, gli housemen, i manutentori, la reception e la direzione. Ciascuna risorsa può in questo modo informare, ed essere informata, sullo status di avanzamento delle camere, sull’inventario del magazzino, sugli articoli lost&found, nonché sulle attività di manutenzione e ispezione. La gestione on-time delle informazioni è il vero plus del servizio RoomChecking, che permette di risparmiare il tempo solitamente impiegato altrimenti su supporti cartacei e telefonici. RoomChecking è inoltre l’unico strumento in grado di registrare le informazioni anche in regime offline. Permette infine di gestire pure le attività di vendita in up-selling dirette alla clientela finale.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati