Job In Tourism > News > Professioni > La bicicletta di Valerio Beltrami

La bicicletta di Valerio Beltrami

Il nuovo presidente Amira si presenta con tante novità, senza però dimenticare il passato di un'associazione ricca di tradizioni

Il nuovo presidente Amira si presenta con tante novità, senza però dimenticare il passato di un'associazion

Di Marco Bosco, 9 febbraio 2017

«Valerio Beltrami è il nostro nuovo presidente Amira: uomo carismatico nonché grandissimo professionista, ha costruito una squadra, come a lui piace definirla, di persone motivate e intenzionate a mettere in atto una vera e propria rivoluzione all’interno dell’Associazione maître italiani ristoranti ed alberghi: un modo per far avvicinare ad Amira sempre più professionisti e giovani, nonché per rivalutare una volta per tutte la figura del maître, ormai surclassata da quella degli chef, favoriti anche dalle numerose trasmissioni televisive che stanno riscuotendo negli ultimi anni enorme successo».
È il saluto che Fortunata Briganti tributa sulla rivista ufficiale dell’associazione al nuovo presidente: Valerio Beltrami prende le redini Amira dopo il complesso ma alfine felice quadriennio a firma Carlo Hassan, che ha saputo traghettare con successo il consesso dei maître italiani lungo una stagione finanziariamente difficile. La nomina è avvenuta in occasione del sessantunesimo congresso internazionale, svoltosi grazie all’organizzazione della sezione Calabria Sud, capitanata dal fiduciario Silvio Pannace, presso il Baia Tropea Resort di Parghelia.
«I proverbi, si sa, sono pillole di saggezza, e io ne ho scelto uno che calza perfettamente per questa occasione: “Hai voluto la bicicletta? E adesso pedala”. O meglio: pedaleremo tutti insieme», ha quindi esordito il nuovo timoniere Amira: «Sono orgoglioso di essere diventato il presidente di questa meravigliosa associazione, di cui faccio parte ormai da tanti anni. Sarà mio impegno onorare tale incarico nel migliore dei modi possibili. Mi sono quindi subito attivato con tante iniziative, perché credo che per Amira, tanto legata a splendide tradizioni, sia doveroso anche cominciare ad aggiornarsi al fine di stare al passo con i tempi. Non dimentichiamoci che la nostra professione è oggi proiettata verso la modernità, indispensabile ormai per avere riscontri positivi sui media e conseguentemente farsi conoscere».
Ecco allora che tra le grandi e piccole novità appena introdotte da Beltrami, c’è pure la creazione di un gruppo Whatsapp comprendente tutti i fiduciari delle sezioni. Ma il neo-presidente si è anche preso l’impegno di tenere aperta la sede nazionale per due/tre ore al giorno, da martedì al venerdì, così da «garantire a tutti un punto fermo a cui rivolgersi in caso di urgenza». Nuovo è poi il sito dell’associazione.
Tra tante prime assolute, Beltrami ha voluto infine ringraziare i suoi due predecessori, Raffaello Speri e Carlo Hassan. Per loro ha così creato un ruolo ad hoc, capace di sottolineare la funzione di riferimento della professione, che questi due grandi professionisti rappresentano: i «captains dei cavalieri dell’Ordine gastronomico di Santa Marta».

I vertici della nuova squadra

Presidente: Valerio Beltrami
Vicepresidente vicario: Giacomo Rubini
Vicepresidenti: Mario Di Cristina, Antonio Rotondaro
Segretario nazionale: Antonio Di Ciano
Tesoriere nazionale: Cesare Lo Verde
Cerimoniere: Giovannangelo Pappagallo
Vicepresidenti aggiunti: Lorenzo De Marco, Silvio Pannace, Alessandro Prota

A Grado le donne protagoniste dell’arte del flambé

Ancora una volta l’Amira Friuli Venezia Giulia, guidata dai fiduciari Gianluca Patruno e Nunzio Buglione, punta sulle donne per valorizzare il loro ruolo nella difficile, ma estremamente gratificante, professione di maître. Lo fanno su delega del presidente nazionale Valerio Beltrami, proponendo la nuova edizione de «Le donne nell’arte del flambé»: una manifestazione creata dal vicepresidente vicario, Giacomo Rubini, su idea del giornalista Antonio Boemo.
La sfida prevede squadre formate da tre donne, impegnate rispettivamente nel lavoro alla lampada, nel ruolo di commis e in quello della produttrice, rappresentante della casa enologica o sommelier, incaricata di abbinare il vino al piatto La kermesse si svolgerà a Grado dal 6 al 9 marzo 2017, con il sostegno del comune e la collaborazione della sede dell’evento, il Grand Hotel Astoria, che ha deciso di accogliere gli ospiti limitando al massimo le spese. Numerose le adesioni pervenute a oggi: in primis quella della sezione Veneto – Colli Euganei capitanata dal vicepresidente aggiunto, Lorenzo Demarco. Tema della seconda edizione: un dessert da flambare con prodotti di una celebre azienda di distillati della regione, nonché un centro tavola con frutta.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati