Job In Tourism > News > Prodotti > Interpreti del cambiamento

Interpreti del cambiamento

Di Giorgio Bini, 25 ottobre 2012

www.hotelvolver.com

«Il futuro è ora e soprattutto è di chi lo fa!» Non solo uno slogan per Hotel Volver, ma una realtà con cui il gruppo ha catalizzato l’attenzione in occasione della fiera Ttg di Rimini: uno dei più importanti appuntamenti internazionali b2b del turismo in Italia. Piazza affari dell’industria delle vacanze rivolta a un mercato italiano e internazionale, la tre giorni di fiera ha superato quest’anno le 50 mila presenze, registrando un incremento del 4% rispetto al 2011. «Voglia di futuro con un’alta partecipazione, contrattazioni vivaci e contenuti innovativi sono la sintesi di scenari positivi plausibili per il nuovo anno», spiega il fondatore di Hotel Volver, Pierantonio Pegoraro. «E noi ci siamo fatti interpreti del cambiamento nel mercato turistico, aggregando l’eccellenza di servizi riservati all’hôtellerie sotto un unico garante. Con un modello imprenditoriale forte delle migliori expertise aziendali siamo diventati un brand garanzia di un criterio di qualità per i servizi integrati di pulizie e restoring, manutenzione e riqualificazione, assistenza, sicurezza e gestione delle strutture alberghiere». Un concetto innovativo che mira a scardinare vecchi modi di offrire ospitalità e di vivere l’albergo, qualificando l’accoglienza. «Senza teoria, ma con risposte concrete veicolate attraverso nuovi canali di servizi, in grado di migliorare le performance e l’immagine delle strutture: primo modello di competitività e terreno di costruzione e condivisione di nuovi valori», riprende Pegoraro. «L’idea è nata osservando il mercato, la sua repentina evoluzione e soprattutto il cambiamento del viaggiatore: l’avvento dei social network, dei mezzi di trasporto low-cost, di un nuovo linguaggio, insieme a un certo affinamento del gusto e all’esigenza di vivere un’esperienza di viaggio unica, hanno riconfigurato lo scenario del settore attraverso stimoli e informazioni che fino a dieci anni fa non erano neanche contemplati. Noi di Hotel Volver abbiamo intuito il modo di soddisfare le nuove richieste, giocando sull’anticipo dei bisogni che si sono affacciati e proponendo servizi di eccellenza, per intraprendere insieme agli alberghi la strada del rinnovamento. E la prima forma di innovazione comincia dal cuore di tutti i servizi: le pulizie e il riordino della stanze attraverso l’introduzione del nuovo concetto di restoring. Come per i software, restoring significa, infatti, riportare una cosa a uno stadio originario per offrire l’esperienza della prima volta. Una componente fortemente strategica, il primo post sensibile su cui si misura il valore dell’accoglienza, che stimola recensioni positive o negative sui social network. Un servizio scadente o approssimato sposta le chance di business di un’intera struttura alberghiera».
«Arrivare a coinvolgere l’emotività del cliente è il successo di questo nuovo modello», afferma in effetti il rappresentante di Tripadvisor, Vittorio Deotto. «Il nostro sistema percettivo multimediale delle strutture alberghiere si fa attraverso la sensibilità dei viaggiatori che ne registrano in modo perentorio la reputazione. Il servizio è il primo fattore sensibile. Chi è il miglior promoter della propria struttura se non il cliente che va via soddisfatto? Questo ripaga del lavoro fatto dall’albergo» Una filosofia, insomma, fondata su qualità ed eccellenza, tradotte in fiera dagli artisti del gruppo Nu’art, che attraverso una coinvolgente esibizione hanno accompagnato i visitatori nella magia del sogno. «La stessa che si vive quando sensazioni di benessere, calore e familiarità danno il benvenuto negli alberghi in cui Hotel Volver fa la differenza». aggiunge Marco Rondina, amministratore delegato del gruppo. «Ma per poter essere infallibili nel garantire un servizio eccellente è necessario saper scegliere ottimi partner. E noi operiamo con realtà altamente qualificate che mettono in gioco i propri specialist: una figura professionale chiave per ottimizzare le risorse strutturali e definire i processi che innalzano la qualità dei servizi controllando i costi; una task force di profili specializzati, uniti sotto il nostro brand, in grado di integrare e armonizzare ciò che avviene all’interno dell’hotel con ciò che viene percepito all’esterno. L’innovazione non è, quindi, solo nel servizio che proponiamo e nella sua ridefinizione ma anche in ogni aspetto operativo del lavoro».
«Vedere che il mercato si muove con idee nuove è stimolante e fa intravedere i bagliori di una ripresa», conclude così Giorgio Palmucci, presidente Confindustria Alberghi. «Fare sistema rappresenta una forza per il mercato. Hotel Volver ha lavorato su questo concetto e ha sviluppato un modello di business molto interessante. Oggi non esiste più il tuttologo. Il sistema è complesso ed è impossibile avere tutte le competenze per problemi di costi e anche di formazione. Innescare sinergie operative con chi è in grado di offrire servizi che si integrano ai propri è il modo migliore per poter essere competitivi su un mercato globale».

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati