Job In Tourism > News > Professioni > Il sessantesimo Aibes

Il sessantesimo Aibes

Di Marco Bosco, 18 dicembre 2009

«Questa edizione del nazionale è stata per noi una tappa molto importante. Abbiamo perciò voluto celebrarla con la scelta di una location di prestigio e con la registrazione dal vivo di una trasmissione televisiva, che andrà prossimamente in onda sul canale di Sky, Gambero Rosso. Un modo per ribadire il nostro impegno, forte più che mai dopo 60 anni di storia, per la cultura del buon bere e la crescita professionale dei barman». È questo il commento di un soddisfatto presidente Aibes, Giorgio Fadda, al sessantesimo convegno e concorso nazionale dell’Associazione italiana barmen e sostenitori, recentemente tenutosi presso il Grand Hotel Vesuvio di Sorrento.
Oltre 500 partecipanti fra concorrenti, delegati, giornalisti, nonché ospiti italiani e stranieri, sono infatti accorsi in Campania per festeggiare i 60 anni dell’Aibes. «La mia presenza all’edizione 2009 del concorso nazionale dell’associazione italiana», ha spiegato il presidente dell’International bartenders association (Iba), Derrick Lee, «era doverosa. L’Aibes è, infatti, una delle sette consorelle internazionali, che nel 1951 fondarono l’associazione da me oggi presieduta. E poi non posso non citare la mia amicizia personale con il presidente Giorgio Fadda: un uomo di straordinaria capacità e passione per il suo lavoro. Qui a Sorrento, inoltre, ho potuto constatare come il livello dei barman italiani sia di assoluta eccellenza. Un’evidenza, peraltro, confermata anche dalla presenza di tanti professionisti provenienti dalla penisola in molti alberghi di prestigio e locali di tendenza sparsi in tutto il mondo». Alla kermesse sorrentina hanno inoltre partecipato anche i presidenti di alcune delle associazioni fondatrici dell’Iba, tra cui Maria Magdalena Watzl (Danimarca), Daniel Crebess (Regno Unito), Harry Granas (Norvegia) e Martin Bergqvist (Svezia), insieme al vicepresidente Iba per l’Europa, Ron Busman.
Tra i tanti premi consegnati in occasione del concorso sorrentino, particolare significato ha assunto, infine, il riconoscimento assegnato al nuovo Fiduciario dell’anno dai soci sostenitori Aibes: il responsabile della sezione Veneto – Trentino Alto Adige, Roberto Pellegrini. Si tratta, infatti, di una sorta di passaggio di consegne dal responsabile della sezione Campania, Francesco Reder, già titolare del premio del 2008, a colui che curerà l’organizzazione dei nazionali Aibes 2010, che sono, infatti, già stati assegnati alla sezione Veneto – Trentino Alto Adige.

I vincitori dei concorsi principali

• Free
1. Tommaso Colonna, sezione Puglia Basilicata del Caffè Gambrinus, di Gravina in Puglia (Bari). Rappresenterà l’Aibes al concorso mondiale Iba
2. Valentina Saccà, sezione Friuli Venezia Giulia, dell’Un bacio sul canale, di Trieste
3. Fabio Rossano, sezione Liguria, del Grand Hotel Garden Lido, di Loano (Savona)
4.
• Premio Angelo Zola (riservato ai giovani barman di età inferiore ai 28 anni)
1. Andrea Fidora, sezione Emilia Romagna, delle Cantine del Duca, di Ferrara
2. Federico Bocciardi, sezione Toscana, del Versilia Golf resort, di Forte dei Marmi (Lucca)
3. Ciro Adriano De Georgico, sezione Campania, del Friends club, di Ischia

• Miglior decorazione
Luca Calliani, sezione Toscana
• Bartender skill classique
Stefano Pulici, sezione Toscana
• Bartender skill tecnique
Carmine Nasti, sezione Campania
• Show bartender
Gianmario Barlocco, sezione Lombardia
• Barman dell’anno
Andrea Balleri, sezione Toscana

Gli ingredienti del cocktail vincitore della categoria free: «Italico»
Grey Goose L’Orange Martini & Rossi cl. 3, Midori Campari Italia cl 3, Verdemela Toschi Vignola cl 3, Bols Lychee F.lli Gancia & company cl. 1, Fragola Toschi cl. 0,5, centrifugato di ananas cl. 2,5, sorbetto di limone cl. 2, lampone, buccia di limone, daikon, ribes e protea. Blender Sirman e mixer. Da versare in una coppa cocktail.

Ospiti d’eccezione i rappresentanti Faipa

C’erano anche le Chiavi d’Oro Faipa (Federazione delle associazioni italiane dei portieri d’albergo e facenti funzione) alla sessantesima edizione del convegno e congresso nazionale Aibes di Sorrento. «Una serata davvero piacevole», ha raccontato il vicepresidente nazionale Faipa Italia del Sud e Isole, Mauro Di Maio, cha ha partecipato all’evento in rappresentanza del presidente nazionale, Rosario Spatafora. «Dopo uno spettacolare aperitivo, abbiamo gustato un menu delizioso, presentato peraltro con grande maestria dal maître del Grand Hotel Vesuvio, Nino Incoronato, che ha saputo gestire con simpatia ed efficienza un numero di commensali davvero elevato».
Ma l’occasione è stata soprattutto un’opportunità per uno scambio di idee e di riflessioni tra professionisti del turismo. «Lucida, in particolare», ha proseguito Di Maio, «l’affermazione di un commensale associato all’Aibes, che ha sottolineato le affinità che legano il mestiere del barman a quello del concierge. Entrambi, infatti, devono avere una grande pazienza. Inscindibile è perciò il rapporto che negli hotel si deve creare tra i due reparti, al fine di rendere indimenticabile il soggiorno di ogni ospite. L’auspicio è che le due associazioni, Faipa e Aibes, insieme alle altre otto rappresentate in Solidus, possano continuare a dialogare e a collaborare per il bene di un comparto, quello turistico, così importante per l’Italia».

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati