Job In Tourism > News > Professioni > Il manager che mancava adesso c’è!

Il manager che mancava adesso c’è!

I corsi in restaurant business management dell'Its Turismo Veneto creano figure altamente professionali, in grado di venire incontro alle nuove esigenze delle imprese

I corsi in restaurant business management dell'Its Turismo Veneto creano figure altamente professionali, in g

Di Marco Beaqua, 21 settembre 2017

In un momento in cui il mercato della ristorazione sta progressivamente passando dalla gestione familiare a quella manageriale, emergono forti le esigenze di trovare del personale preparato a fare delle scelte adeguate, e in grado di comunicare con i mercati di riferimento.
Una soluzione a tali crescenti esigenze è sicuramente rappresentata dalla nuova figura del restaurant business manager: un comunicatore del prodotto, che conosce la domanda e i trend di mercato, i canali di vendita e i linguaggi della comunicazione, ma che è anche capace di intercettare e gestire i fornitori di beni e servizi, riuscendo in questo modo a costruire un’offerta assolutamente adeguata al/ai target della propria organizzazione. Il suo lavoro? Far comprare il prodotto food and beverage, qualsiasi sia la tipologia di azienda che lo offre.
Ma chi è in grado oggi di formare figure professionali di questo tipo? «Le nostre sedi di Jesolo e Bardolino hanno la giusta risposta», spiega il presidente della Fondazione Its-Istituto tecnico superiore per il turismo Veneto, Massimiliano Schiavon: «È il percorso in restaurant business management: un programma biennale di alta formazione post diploma, che punta a costruire un profilo molto richiesto dal mercato dell’ospitalità alberghiera e ristorativa contemporanea».

Domanda. Di che tipo di figura professionale state parlando esattamente?
Risposta. Si tratta di un ruolo che in Italia ancora non esiste, ma di cui il mondo ristorativo alberghiero, e non solo, ha estrema necessità. Una figura innovativa e necessaria per migliorare i caratteri dell’accoglienza, perché in grado di mettere insieme tutte le richieste del cliente di oggi. Le nostre scuole alberghiere sfornano ogni anno tantissimi ottimi cuochi, camerieri e maître. Il nostro corso Its definisce invece le caratteristiche di un profilo che occupa una posizione intermedia tra tutte le altre: il perfetto collegamento tra le varie componenti della struttura, capace di ricoprire un ruolo strategicamente fondamentale.

D. Di che cosa si occupa nella pratica quotidiana?
R. Dei molteplici aspetti legati alla gestione del ristorante: da quelli più operativi, come la scelta del menù cartaceo perfettamente coordinato con gli arredi del locale, o la definizione della tonalità di luci corretta per creare la giusta atmosfera, fino a diventare il referente dei camerieri e degli altri dipendenti, nonché a sovrintendere alla composizione della carta dei vini, conoscendo perfettamente la produzione enogastronomica locale, gestendo i rapporti con i fornitori e ottimizzando il controllo degli acquisti. Ma il restaurant business manager è anche perfettamente consapevole di tutti gli aspetti dei regimi nutrizionali oggi più diffusi tra le persone, così come delle varie tipologie di intolleranze alimentari.

D. A questa figura viene solitamente affidata anche la gestione del marketing online e dei social?
R. Assolutamente sì. Anzi, è uno dei suoi compiti fondamentali, per il quale verrà adeguatamente preparato, in modo da acquisire tutte le competenze necessarie a comunicare il prodotto azienda sui canali più adatti a migliorane l’immagine.

D. Che tipo di sbocchi occupazionali ha questo nuovo profilo di manager ristorativo?
R. Molto alti, pari al 92% di placement medio. E questo perché gli addetti ai lavori del campo ristorativo alberghiero sono da anni alla ricerca di un professionista di questo genere. Sono i tempi a chiederlo: le esigenze dei clienti cambiano e con loro anche la natura della domanda dei profili professionali del settore.

Cosa sono gli istituti tecnici superiori

Gli Istituti tecnici superiori (Its) sono scuole ad alta specializzazione tecnologica volute dal ministero dell’Istruzione per coprire le necessità del segmento di formazione terziaria professionalizzante. Gli Its sono in particolare nati per rispondere alla domanda delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche. Formano quindi tecnici superiori con competenze nelle aree high-tech strategiche per lo sviluppo economico e la competitività del paese.
Tra questi, l’Its Turismo è una scuola di nuova concezione che si rivolge a studenti diplomati e prevede un percorso di alta formazione nelle materie turistiche con attività di aula e di stage, per arrivare, alla fine del biennio, a una preparazione assolutamente pratica.
La regione Veneto ha fortemente creduto negli Istituti tecnici superiori, sostenendoli con risorse sempre maggiori, sollecitando la presenza di esperti tra i docenti e spingendo i programmi verso i livelli più alti di formazione tecnica e professionale. Il risultato è oggi sotto gli occhi di tutti, per numero di diplomati e per inserimenti occupazionali coerenti con il titolo di studio conseguito, di percorsi che rappresentano una interessantissima alternativa agli studi universitari (oltre il 90% medio di placement).

Tre i programmi in partenza a ottobre

www.itsturismo.it
All’Its per il Turismo Veneto saranno attivi da ottobre due corsi biennali post diploma (quinto livello Eqf – Quadro europeo delle qualificazioni) per esperti in hospitality management e restaurant business management, tenuti nelle sedi di Jesolo e Bardolino. A loro si aggiunge pure un corso biennale post diploma per esperti in hospitality management con particolare attenzione al settore turistico montano, che si svolgerà nella nuova sede di Asiago.
Gli obiettivi dei programmi sono quelli di fornire le competenze utili a una gestione più efficiente delle imprese turistiche, tramite l’utilizzo di strumenti innovativi e nuove tecnologie, nonché di assicurare ai profili specializzazione e maggiore qualificazione. Il tutto per garantire adeguata occupazione a neo diplomati e a soggetti già attivi, contrastando la stagionalità dell’impiego nel turismo e valorizzando il territorio, in modo da rendere sempre più competitive le località e le destinazioni del Veneto e di tutta Italia.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati