Job In Tourism > News > Strategie > I plus della comunicazione

I plus della comunicazione

Di Rossella Taffa, 28 marzo 2008

Montecarlo, luogo prestigioso e affascinante, è oggi punto di riferimento internazionale per il settore congressuale: nella raffinata località della Costa azzurra, infatti, si svolgono annualmente numerosi eventi d’aggregazione sociale o professionale, grandi manifestazioni culturali e incontri scientifici.
Se un tempo però il turismo rappresentava di gran lunga la risorsa principale dell’economia monegasca, oggi, pur mantenendo un peso rilevante tra le entrate del principato, è stato affiancato da altri settori come quelli immobiliare o finanziario. Il principe Alberto di Monaco, in particolare, sta investendo molto nello sviluppo sostenibile e nella protezione ambientale, puntando a far diventare il principato un polo di eccellenza nella cooperazione scientifica internazionale.
In questo contesto di grande fermento s’inserisce il Grimaldi forum, un avveniristico palazzo in acciaio e cristallo di 35 mila metri quadrati. Al suo interno, ogni particolare, dall’oggetto che arreda le camere o i saloni alle attrezzature tecnologiche, è pensato per accogliere manifestazioni ed eventi di ogni dimensione.
Per conoscere strategie e prospettive di uno dei centri congressi più all’avanguardia d’Europa, abbiamo perciò incontrato Hervè Zorgniotti, direttore comunicazione del Grimaldi forum e convinto assertore dell’importanza della comunicazione quale vero valore aggiunto di una proposta congressuale in un contesto sempre più ricco di competitor e offerte appetibili.
Domanda. Come si traduce nella pratica quotidiana questa visione del mercato mice?
Risposta. Amplificando il messaggio che vuole trasmettere il cliente e aumentandone la risonanza nel settore di riferimento dell’impresa che si rivolge a noi. Il tutto, per esempio, tramite le numerose conferenze stampa che organizziamo anche fuori Monaco, nonché alle colazioni per piccoli gruppi di giornalisti, coinvolti anche grazie ai nostri contatti con le testate e le tv. Monaco, inoltre, si presenta come una destinazione compatta specificamente rivolta al mercato del congressuale: un settore in cui è essenziale poter offrire servizi sinergici. Proprio per questo motivo esiste, infatti, il convention bureau Monaco meetings, che permette agli event planner di confrontarsi con un unico interlocutore.
D. Come vi comportate con gli altri operatori sul territorio?
R. Il successo più grande da noi raggiunto negli ultimi anni è stato proprio quello di riuscire a lavorare tutti assieme. Con grandi difficoltà, ma credendo fermamente che presentarsi uniti sia la formula vincente.
D. Quali sono le previsioni per il 2008?
R. Nell’ultimo periodo il trend è stato quello di privilegiare le grandi convention aziendali e i saloni professionali, particolarmente quelli legati al segmento lusso. Premesso che il 2007 è stato l’anno migliore dalla nascita del Grimaldi forum, la tendenza attuale va però verso l’organizzazione di eventi più brevi, ma con maggiori plus per i partecipanti. È importante, quindi, avere una buona dose di creatività per proporre programmi diversi e sempre nuovi.
Vorrei segnalare, inoltre, anche il lancio di una nuova strategia volta a presentare il Grimaldi forum quale destinazione virtuosa dal punto di vista ecologico. L’eco-sostenibilità è, infatti, un fattore sempre più importante: ormai molti organizzatori di convegni prima di scegliere la destinazione ne verificano il comportamento ecologico.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati