Job In Tourism > News > Professioni > Faipa Roma tra continuità e innovazione

Faipa Roma tra continuità e innovazione

Il nuovo consiglio direttivo dell'associazione capitolina si prepara ad affrontare le sfide del futuro

Il nuovo consiglio direttivo dell'associazione capitolina si prepara ad affrontare le sfide del futuro

Di Andrea Vezzoli, 15 settembre 2016

L’organizzazione delle celebrazioni per festeggiare il sessantacinquesimo della nostra fondazione che cascherà il prossimo 16 febbraio 2017; il costante impegno negli istituti scolastici portato avanti dall’intero consiglio; la realizzazione e la cura, in ambito Faipa, del prossimo convegno nazionale in programma questo autunno; una presenza maggiore sui social media e soprattutto la continua dedizione nel favorire lo sviluppo della collaborazione e dell’amicizia reciproca tra tutti i colleghi di categoria, garantendo la professionalità di cui le chiavi d’oro presenti sul bavero della giacca dei soci sono portatrici.
Sono tante le sfide che l’Associazione dei portieri d’albergo – le Chiavi d’Oro, sezione di Roma, si troverà ad affrontare nel prossimo futuro. Ma molte sono pure le certezze che fanno della stessa un punto fermo per gli operatori del settore: la consapevolezza, per esempio, che l’associazione capitolina, con i suoi 105 iscritti (59 effettivi, che ancora esercitano la professione di portiere, e 46 senior), è la maggiore in termini numerici nell’ambito nazionale Faipa. Ma anche la forza di una sede capace di essere riferimento permanente nel centro di Roma e la solidità di una compagine ricca, al proprio interno, di tanti esponenti di spicco. Basti citare, a questo proposito, Adolfo Lodigiani, già presidente mondiale di categoria.
A tutto ciò si aggiunge ora anche la consistenza del nuovo consiglio direttivo eletto poco prima dell’estate. Una scelta nel segno della continuità, ma senza al contempo dimenticare di introdurre quelle novità necessarie a mantenere la divisione romana al passo coi tempi che cambiano.
Alla presidenza dell’associazione capitolina per i prossimi tre anni è stato in particolare confermato Michele Gruttadauria dell’hotel Portamaggiore di Roma. La prima novità è invece rappresentata dalla nomina, inedita nella storia dell’associazione, di due vicepresidenti: Angelo Conti, già segretario per due mandati, è diventato vicepresidente vicario, come riconoscimento all’impegno e al lavoro del receptionist del Duca d’Alba Hotel nei tanti anni di servizio in associazione; Giampiero Giamogante della Casa Bonus Pastor, vicepresidente uscente, ha quindi mantenuto la sua carica, arricchita però dalla delega alle relazioni esterne, nonché con il ruolo di referente per gli enti istituzionali e privati. Ha assunto in questo modo il profilo di un piccolo ambasciatore della compagine capitolina.
Ma il consiglio si arricchisce anche di due nuovi membri, ai quali il presidente ha conferito sin da subito incarichi prestigiosi e affascinanti: il primo collocabile nel solco della tradizione associativa; l’altro con l’obiettivo di cavalcare i tempi attuali tramite l’utilizzo di strumenti idonei. Il sottoscritto Andrea Vezzoli, receptionist turnante del Cardinal Hotel St Peter, è diventato perciò il nuovo segretario, mentre Francesca Marzullo, shift leader del Grand Hotel Ritz, rappresenta la figura femminile che mancava in consiglio. Il suo ruolo è quello di referente per i social media, in ciò affiancata dal contributo di Christian Bianconi, receptionist turnante del Duca d’Alba Hotel, al suo secondo mandato come consigliere.
Il gruppo direttivo è infine completato dalla presenza di Carlo Duca, nella duplice veste di referente per l’orientamento scolastico e rappresentante della componente senior, nonché da Enzo Lucidi, primo concierge del Grand Hotel Ambasciatori e vicepresidente vicario Faipa, nella divisione romana con il ruolo di referente per gli eventi culturali.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati