Job In Tourism > News > News > Ecco gli hotel eco-friendly

Ecco gli hotel eco-friendly

Di Tara Anderson, 20 luglio 2007

Volentieri pubblichiamo qui di seguito una sintesi dell’interessante articolo di Tara Anderson per Carlson wagonlit travel, in merito alle iniziative delle catene alberghiere per rispettare l’ambiente e ridurre lo spreco di risorse. (Ttraduzione di F.L.)

Il dibattito sul riscaldamento globale continua a crescere, e di conseguenza le società e i business traveller sono sempre più coinvolti riguardo l’impatto che le scelte di viaggio hanno sull’ambiente.
Pertanto, nella scelta degli hotel per i loro programmi di viaggio, i travel manager terranno sempre più in considerazione criteri eco-friendly.
Il concetto di hotel amico dell’ambiente non è nuovo. Numerose catene alberghiere hanno istituito pratiche verdi, e da oltre un decennio organizzazioni come Green hotels associations (Gha), con sede negli Usa, hanno incoraggiato, promosso e sostenuto una coscienza ecologista nell’hotel industry, con guide e suggerimenti per risparmiare energia, prodotti eco-friendly e promemoria che invitano gli ospiti a usare la biancheria più di una volta.
Esistono, poi, altre iniziative promosse dalle catene alberghiere. Accor hotels si impegna a controllare l’uso dell’energia, a limitare il consumo di acqua, a ridurre lo spreco e a tutelare la biodiversità in circa 60 paesi in tutto il mondo. La loro Hotel environment charter fornisce una guida concreta per sostenere le iniziative verdi delle società alberghiere in tutto il mondo, presentate di recente durante l’Accor earth guest day.
Carlson hotels worldwide presta attenzione a non sprecare le risorse naturali nelle operazioni quotidiane, attraverso iniziative come il riuso di biancheria e tovagliati, l’uso controllato dell’energia, il riciclo e la limitazione dello spreco. In Europa il gruppo aderisce al programma ambientale sviluppato dal suo partner Rezidor sas hospitality, che indica ambiziosi obiettivi per l’energia, l’acqua e la riduzione dello spreco. Carlson hotels worldwide è inoltre membro fondatore dell’International tourism partnership, un’organizzazione con sede negli Usa che alla responsabilità sociale delle industrie globali unisce un focus speciale sulle questioni ambientali.
InterContinental, Crowne Plaza e Holiday Inn, in partnership con Project planet, adottano il programma Conserving for tomorrow di riuso della biancheria e dei tovagliati, accettato da una percentuale che va dal 68 al 72% di ospiti che pernottano più di una notte. Project planet valuta che una struttura di 100 camere può salvare 6 mila galloni d’acqua e tagliare più di 20 mila dollari l’anno dai costi di acqua, energia, lavoro, detergenti e lavanderia, se non si sostituiscono ogni giorno lenzuola e biancheria da bagno.
Marriott international punta ad assicurare che ogni comunità, dove la catena opera, abbia benefici dalla sua presenza. Il risparmio energetico ha ridotto le emissioni di 70 mila tonnellate l’anno e ha fatto risparmiare milioni nel budget.
Saunders hotel group si affida a Shine (Saunders hotel initiative to nurture environment program). L’obiettivo di Shine è conservare il passato e proteggere il futuro promuovendo prodotti e pratiche eco-friendly. Tramite Shine questi hotel hanno risparmiato 225 mila kilowatt di elettricità e 1,5 milioni di galloni d’acqua l’anno.
Inoltre, in tutto il mondo sono sbocciati numerosi programmi di certificazione avviati da gruppi industriali, associazioni e governi. Fra i migliori vi sono lo statunitense Energy star, l’australiano Green globe program per il turismo sostenibile e l’europeo EcoLabel per i servizi al turismo eco-compatibili.
Data la grande varietà, non tutti i programmi e pratiche verdi sono verificati, quindi le aziende interessate a fare business con hotel impegnati nel rispetto per l’ambiente dovrebbero porre alcune domande sulle politiche dell’hotel, durante la fase di contrattazione e proposta. La decisione finale dovrebbe dipendere dalle risposte a queste domande (si veda box nella pagina).
Oltre alle pratiche verdi standard, alcuni hotel hanno implementato procedure più sofisticate, come sistemi di cardkey che attivano e disattivano automaticamente il condizionamento e l’accensione-spegnimento delle luci quando gli ospiti entrano o escono dalla camera, l’uso del calore generato dall’aria condizionata per l’acqua necessaria agli ospiti e all’hotel, la sostituzione delle moquette con pavimenti di legno riciclato che riducono costi e tempi della pulizia.
Grazie a questi sforzi, gli hotel con un programma verde stanno realizzando risparmi. I travel manager e i business traveller, tuttavia, non devono aspettarsi che questo si traduca in tariffe più basse. Un programma verde richiede tempo per essere realizzato e vi sono anche i relativi costi di implementazione.
Sebbene un approccio rispettoso dell’ambiente da parte della proprietà alberghiera non rappresenti l’unico fattore da considerare nella scelta di un particolare hotel per un programma di viaggio, questo può giocare un ruolo decisivo rispetto a hotel non eco-friendly che offrano le stesse tariffe.

*Analyst di Cwt North America hotel solutions, la divisione di consulenza specializzata nell’hôtellerie di Carlson wagonlit travel.

Le domande verdi
• Le vostre strutture hanno politiche verdi e, se sì, che cosa riguardano?
• Le vostre strutture hanno complessivamente ridotto il consumo di energia anno dopo anno?
• Sono stati fissati gli obiettivi da raggiungere per ridurre l’impatto ambientale delle vostre strutture?
• Quali procedure sono state adottate per ridurre il consumo di acqua e di energia?
• Le vostre strutture hanno una politica smoke-free; docce e toilette a flusso ridotto e regolatori di flusso; carta al 50% riciclata; lampade a luce fluorescente nelle camere, nelle lobby e negli spazi comuni; sensori o timer nelle aree poco frequentate?
• I dispenser per i prodotti di cura sono ricaricabili?
• Nelle camere, negli spazi comuni, nelle cucine e negli uffici ci sono contenitori per il riciclo?
• Avete lo spegnimento automatico delle luci e del condizionamento quando le camere non sono occupate?
• Avete alle finestre pellicole che aiutano ad abbassare il riscaldamento riducendo l’effetto della luce nelle camere?
• Le vostre lavatrici sono a risparmio di acqua e di energia?
• Per la ristorazione usate prodotti riutilizzabili come tovaglioli di stoffa, bicchieri di vetro e piatti di ceramica?
• Avete un ristorante biologico certificato che usa prodotti naturali, locali e di stagione?
• Avete un programma per donare alle associazioni assistenziali i pasti non consumati, gli elettrodomestici e i mobili vecchi?

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati