Job In Tourism > News > Professioni > Due soci Aira in treno… Per non parlare della neve

Due soci Aira in treno… Per non parlare della neve

Cronaca semiseria dell'ultimo seminAira sul regolamento europeo della privacy in un'Italia marzolina imbiancata come la Lapponia

Cronaca semiseria dell'ultimo seminAira sul regolamento europeo della privacy in un'Italia marzolina imbianca

Di Massimo Borriello, 3 maggio 2018

Agli inizi di marzo Aira Lombardia, in collaborazione con Madi Consulting e il Gruppo Pls, ha organizzato, presso la prestigiosa location del Town House Galleria, un seminario riguardante la nuova legge sulla privacy.
L’Italia, imbiancata come la Lapponia, vedeva i due eroi, il giovane socio Matteo Berto, già campione del Gran premio AiraVeneto 2017, e il vecchio presidente regionale, Massimo Borriello, intraprendere quest’avventura confermando la loro presenza per l’importante evento milanese.
Il viaggio di andata non subiva per la verità disagi, nonostante i numerosi attacchi di lupi siberiani sul tragitto Bassano – Padova. Ma l’incontro con Matteo, nello stesso scompartimento del Frecciarossa per Milano, si rivelava una piacevole coincidenza, che ci permetteva di aggiornarci riguardo al futuro della nostra associazione e ai progetti personali.
L’approdo alla stazione di Milano, che mi ha riportato indietro nel tempo con un pizzico di malinconia, per Matteo, invece, è stato un vero e proprio “battesimo della Madonnina”: scesi dal treno, per raggiungere la location destinata al SeminAira, sembravamo i due protagonisti dell’esilarante scena dell’arrivo nel capoluogo lombardo tratta dal film Totò, Peppino … e la malafemmina, indimenticabile capolavoro diretto da Camillo Mastrocinque.
Una città futurista caratterizzata dalla velocità e dalla quantità di persone, ognuna chiusa davanti al proprio smartphone, si palesava davanti ai nostri occhi; una perfetta coreografia a incastro ci risucchiava verso la metropolitana ed ecco, pochi minuti dopo, apparire il Duomo. Alle nostre spalle la Galleria, che si pavoneggiava, civettuola, attirando l’attenzione di un museo del Novecento più serio e riflessivo, non degnava di uno sguardo le palmette, per l’occasione imbellettate di neve.
Dopo aver rapidamente placato un certo appetito in un self-service, salivamo curiosi nella sala riunioni del Town House Galleria e venivamo accolti in maniera impeccabile dal presidente Aira Lombardia, Luciano Manunta.
Dopo le presentazioni di rito e i gradevoli incontri con l’intero Gotha Solidus, Carlo Romito, presidente, e Franco Alzetta, presidente onorario, nonché con tanti altri personaggi di spessore rappresentanti le associazioni di settore, ecco accendersi il proiettore: la parola passava all’avvocato Matteo Alessandro Pagani del Gruppo Pls, per l’aggiornamento sulle norme riguardanti gli adempimenti richiesti dal nuovo regolamento sulla privacy, detto anche Gdpr (General data protection regulation – Ue 2016/679).
L’argomento, alquanto complesso, richiedeva non poca attenzione e un’indispensabile riflessione per immagazzinare le innumerevoli norme. Un utilissimo coffe-break, oltre a rifocillare i presenti, riportava l’attenzione su altre curiosità e informazioni riguardanti le innumerevoli trappole che si nascondono all’interno della rete. Questo tema, molto interessante e utile per tutti noi che siamo oramai connessi h24, è stato presentato da Luca Zoletto di Madi Consulting, che ha rapito l’attenzione di tutti i presenti portando una serie d’informazioni pratiche e rivelandosi “hacker” raffinato e preparato.
Vi risparmio infine le vicissitudini del viaggio di ritorno, che meriterebbero un libro a parte, ma vi do senz’altro appuntamento ai prossimi eventi firmati Aira.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati