Job In Tourism > News > Risorse umane > Due sessioni per un master

Due sessioni per un master

Di Marco Beaqua, 24 luglio 2009

WWW.MASTERFIVESTARS.IT
Dopo il successo riscosso dalla prima edizione, il Forte Village resort conferma la propria fiducia nel master in Five stars hotel management e ne propone una nuova versione rinnovata e ulteriormente migliorata nella formula. «In particolare», spiega il general manager del resort, Lorenzo Giannuzzi, «abbiamo pensato, per la stagione 2009-2010, di dare il via a due sessioni distinte del master: la prima inizierà a ottobre di quest’anno e la seconda a febbraio 2010. In questo modo, potremo raggiungere un duplice obiettivo: soddisfare la richiesta di partecipazione di un maggior numero di allievi e contemporaneamente garantire un rapporto ancora più personalizzato tra corsisti e docenti, grazie alla riduzione del numero massimo di partecipanti per sessione da 24 a 18».
Tra gli atout principali del master, spicca sicuramente la possibilità di confrontarsi con l’esperienza pratica di una serie di prestigiosi personaggi dell’hôtellerie internazionale, come, per esempio, Martina Boettcher, general manager del W Chicago, Carolyn Jones, vice president brand leadership development di Starwood hotels and resort e Alan Mantin, Hilton hotels director developments Southern Europe & Africa. «Con il master ci rivolgiamo soprattutto a giovani dalle grandi motivazioni, che abbiano già alle spalle un adeguato background di esperienze professionali e accademiche per affrontare un percorso formativo particolarmente intenso», prosegue Giannuzzi. «Punto di forza della nostra proposta è poi il taglio pratico delle docenze, orientate a fornire competenze spendibili in modo immediato sul mercato del lavoro e capaci di mettere in grado gli allievi di ambire a ricoprire ruoli di responsabilità nelle diverse aree funzionali di un’industria alberghiera a 5 stelle».
Nella nuova edizione, in particolare, alle simulazioni del modulo Chess (Competitive hospitality educational simulation series) verranno aggiunte anche quelle del Crase (Cornell restaurant administration simulation exercise). Entrambi sviluppati dalla celebre università di Ithaca, negli Stati Uniti, sono esercizi in grado di mettere i corsisti a confronto con le conseguenze pratiche delle loro decisioni strategiche. «Chess e Crase si terranno in una fase avanzata del master, quando gli allievi avranno già acquisito le competenze tecniche necessarie ad affrontare le simulazioni. A quel punto verranno divisi in gruppi, tutti posti nelle medesime condizioni di partenza. Un software penserà quindi a porre delle sfide di mercato agli allievi, che dovranno reagire con strategie coerenti e capaci di tenere conto anche delle azioni degli altri gruppi-competitor. I risultati finali delle simulazioni saranno poi analizzati in profondità in classe».
Il successo di tali sistemi formativi è peraltro confermato dagli stessi risultati della prima edizione. «In quell’occasione abbiamo ricevuto quasi 700 candidature, mentre per gli stage le offerte che ci sono pervenute sono state così numerose da costringerci a rifiutare le proposte di molte alberghi importanti», conclude Giannuzzi, «I nostri allievi della prima edizione, in particolare, stanno conducendo proprio in questi mesi la loro fase di stage in strutture quali l’hotel Metropole di Monte Carlo, l’hotel de Russie di Roma e il Four Seasons di Milano, presso i più svariati comparti dell’hôtellerie, tra cui gli uffici risorse umane e web marketing, nonché i reparti It, revenue management e f&b».

Identikit della proposta didattica

Il master nasce come una scuola accademica di alta formazione alberghiera e ha lo scopo di venire incontro alle esigenze di specializzazione espresse dall’industria del turismo, sfruttando, in particolare, la collaborazione con la Luiss business school di Roma. Entrambe le edizioni del corso 2009-10 saranno strutturate sulla durata di dieci mesi, con due fasi di apprendimento ben distinte: i primi quattro mesi saranno dedicati all’attività didattica in aula, caratterizzata, tra l’altro, da circa il 60% di lezioni in inglese, mentre per i successivi sei gli studenti saranno impegnati in stage ed esperienze pratiche in hotel e resort a 5 stelle situati in Italia e all’estero. La selezione dei candidati avverrà in due fasi distinte: una prima scrematura basata sui curriculum inviati e una seconda, decisiva, tramite interviste e colloqui diretti.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati