Job In Tourism > News > News > Disponibilità verso il prossimo

Disponibilità verso il prossimo

Di Antonio Caneva, 15 ottobre 2004

Spesso siamo così presi dai problemi della quotidianità che non abbiamo tempo per guardarci attorno. Ricordate la celebre affermazione di J.F. Kennedy: “Non chiedete cosa il Paese farà per voi quanto piuttosto cosa voi farete per il Paese”? Ecco, senza scomodare tanta memoria, quotidianamente possiamo chiederci cosa facciamo per migliorare i rapporti con il nostro prossimo (e dobbiamo ricordarci che siamo tutti “nostro prossimo”) e la vivibilità collettiva.
Alcuni giorni orsono mi è accaduto un episodio che mi sembra doveroso sottolineare: mi ha telefonato la segretaria dell’amministratore della Delphina, società alberghiera che gestisce parecchie strutture in Sardegna, per commissionare una inserzione, di grande visibilità Ho letto il testo e sono rimasto colpito: l’inserzione non si riferiva a una ricerca di personale bensì, con lungimiranza, proponeva agli albergatori un contatto per facilitare l’occupazione del personale stagionale della Delphina, che, terminata la stagione, viene a trovarsi senza occupazione.
Trovo questa iniziativa di estrema sensibilità e lungimiranza: sensibilità perché in questo modo la società si fa “prossimo” e lungimiranza perché in tal modo persegue un’avveduta politica di gestione delle risorse umane: una società alberghiera stagionale ogni anno necessita di professionisti e allora niente di meglio che essere referente di personale motivato, all’interno di un rapporto di correttezza e condivisione.
Ha buttato via i quattrini Delphina? Secondo me sicuramente no; ha fatto un’interessante operazione da cui, tra l’altro, esce con un’immagine rafforzata; a volte basta veramente poco per conseguire grandi risultati ma, alla base di tutto, deve esservi un’importante attitudine: quella di guardare il mondo con disponibilità.
Parlando della Delphina non svelo alcun segreto, perché l’inserzione è li, da vedere. Un segreto invece rimarrà il nome dell’amministratore che non ha voluto essere citato: ha fatto solo quello che riteneva giusto. Complimenti.

Caring for the others

We are often so wrapped up in our day-to-day problems, that we do not have time to look around ourselves. In one of his famous statements, J.F. Kennedy said: “Don’t ask what the country can do for you; ask what you can do for the country!”. Even without dragging in such an illustrious name, we can ask ourselves in our daily lives what we are doing to improve our relationships with our neighbours (and we should remember we are all “neighbours”) and the quality of collective living.
A few days ago I had an experience I think is worth reporting. I received a telephone call from the secretary of the Director of Delphina, a hotel company that manages several establishments in Sardinia, to place an advertisement of great visibility. I read the text and was impressed by it: the ad was not intended for recruiting personnel, but was far-sightedly proposing a contact between hotels to facilitate the placement of Delphina’s seasonal workers, who were without employment after the season was over.
I think this initiative has been both considerate and farsighted. Considerate, because it is based on respect for the “neighbour”, and farsighted because, in so doing, it pursues a wise management of human resources. For a seasonal hotel which is in need of professionals every year, nothing can be better than being a point of reference for highly motivated personnel, in a relationship based on correctness and sharing.
Has Delphina thrown its money away? I believe definitely not: They have done something very interesting, which has additionally enhanced their public image; sometimes a little thing is enough to achieve great results, on condition that it is based on an important attitude – caring for the others.
By writing about Delphina I am not disclosing anything confidential, because the advertisement is there for people to see. What is not public knowledge, however, is that the Director asked that his name not be mentioned: he has only done what he felt was right. Congratulations!

Translation of the Italian
editorial by Paola Praloran

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati