Job In Tourism > News > Risorse umane > Crescere i figli rende le donne manager più competitive sul lavoro

Crescere i figli rende le donne manager più competitive sul lavoro

Di Marco Beaqua, 29 giugno 2012

La capacità di meglio motivare e ispirare gli altri; una maggiore flessibilità di apprendimento; un sensibile incremento della fiducia in se stesse. Sono le competenze, acquisite nella cura dei figli, che le madri manager possono trasferire nel proprio lavoro. Lo rivela un recente studio del Korn/Ferry Institute, parte dell’omonima società di consulenza internazionale specializzata nell’ambito delle risorse umane. La ricerca, condotta intervistando un panel internazionale di executive donne, sottolinea anche come la tecnologia rappresenti un valido aiuto per bilanciare al meglio l’equilibrio vita-lavoro delle madri manager. Nonostante ciò, il 45% del campione femminile interpellato ritiene ancora che la propria carriera sia stata in qualche modo frenata dalla propria esperienza di madre, mentre l’8% pensa che sia stata addirittura pesantemente danneggiata. In tale contesto, il 19% delle intervistate ha dichiarato di aver posticipato il momento in cui avere figli a causa del lavoro, mentre il 10% ha deciso di non averne affatto.
Il soffitto di vetro, quella barriera invisibile che impedisce alle donne di crescere professionalmente quanto gli uomini, è quindi una realtà tangibile per il 27% delle manager, mentre il 23% si è detta convinta che sia ormai una questione superata. Eppure, secondo i dati raccolti sempre da Korn/Ferry, ancora oggi le manager in ruoli executive rappresentano appena il 15% del totale a livello mondiale e, in qualsiasi ruolo, tra donne e uomini esiste mediamente un gap di salario pari a una percentuale attorno al 25%.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati