Job In Tourism > News > Travel industry > Cresce il segmento del turismo outdoor in Italia

Cresce il segmento del turismo outdoor in Italia

Di Job in Tourism, 25 ottobre 2018

Un comparto da circa 4,9 miliardi di euro all’anno. È il segmento dell’industria dei viaggi all’aria aperta (categorie di alloggio e indotto), secondo le stime 2018 dell’Osservatorio del turismo outdoor, realizzato da Human Company, compagnia fiorentina attiva nel settore, in collaborazione con la start-up di data science Travel Appeal.

La ricerca ha in particolare analizzato le performance di 2.500 strutture open-air in Italia, inclusi oltre 130 mila commenti online pubblicati tra maggio e settembre di quest’anno. Le regioni con più offerta di strutture all’aria aperta sono quindi Veneto, Toscana e Puglia. Le stesse, non sorprendentemente, sono anche le mete più frequentate dagli ospiti open-air.

In generale, la proposta è concentrata soprattutto sulle coste italiane, tant’è che le destinazioni marine vengono scelte dal 43,5% dei turisti dell’outdoor. Notevole però è anche la quota di viaggiatori open-air che prediligono le città d’arte (il 36,7%), tra cui spiccano in particolare Venezia, Roma e Firenze. Il sentiment degli ospiti è inoltre generalmente positivo (nell’80,5% delle recensioni online), con i risultati migliori che sono stati conseguiti dall’offerta della Val d’Aosta (apprezzata nell’87,4% dei casi), seguita da quella del Trentino-Alto Adige e della Basilicata (entrambe a quota 85,5%).

Per il 2019 si prevede quindi un ulteriore aumento degli arrivi (+3%), con la Basilicata che dovrebbe fare la parte del leone (+5,9% di turisti outdoor). A fronte di tali previsioni positive, anche il giro d’affari complessivo del comparto dovrebbe infine crescere dell’1,3%.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati