Job In Tourism > News > Risorse umane > Club Med a caccia di talenti

Club Med a caccia di talenti

Oltre 1.500 le posizioni aperte per la campagna di selezione invernale dedicata ai resort alpini del gruppo. Molte opportunità anche per il middle management

Oltre 1.500 le posizioni aperte per la campagna di selezione invernale dedicata ai resort alpini del gruppo.

Di Marco Beaqua, 21 settembre 2017

Le vacanze non si fermano mai. In qualsiasi mese dell’anno c’è sempre un buon motivo per concedersi un periodo di relax e divertimento. Lo sa bene Club Med, che ha già iniziato la propria campagna di recruiting per la prossima stagione invernale: un piano ambizioso che mira a trovare in tutta Europa più di 1.500 collaboratori (G.O. e G.E. nel vocabolario della compagnia). Il loro compito? Quello di accogliere clienti in arrivo da ogni angolo del globo nelle circa 20 destinazioni Club Med situate lungo l’arco alpino, tra Francia, Svizzera e Italia.
Tantissimi i ruoli disponibili, con oltre 100 differenti tipologie di figure ricercate nei dipartimenti hospitality & catering, sport & leisure e vendita & supporto. «In Club Med, ogni candidato può trovare il suo posto ideale: chi è disponibile solo per una settimana o chi è pronto a partire per un’intera stagione. Per tutti esiste un contratto ad hoc. E gli italiani sono spesso tra i profili più interessanti per noi», racconta Helga Niola. «Esistono opportunità interessanti anche per i profili di middle management e per i professionisti dell’f&b», prosegue la Southern Europe recruiting manager. «Non dimentichiamoci infatti che il concept Club Med prevede percorsi di formazione specifici, realizzati da alcune delle accademie culinarie più note al mondo, come gli istituti Paul Bocuse e Lenotre». Non solo: per i nuovi talenti, quest’inverno è anche l’occasione giusta per farsi conoscere dalla compagnia in vista della grande novità dell’estate: l’apertura del primo 5 tridenti europeo, il Resort Club Med Cefalù, la cui inaugurazione è prevista per la prossima estate.

Domanda. Ma quanto vale veramente un’esperienza in Club Med, in termini di formazione professionale?
Risposte. Ha un valore tanto grande quanto concretamente tangibile. A cominciare dall’opportunità di lavorare in un contesto multiculturale, dove le competenze linguistiche migliorano in modo esponenziale grazie alla pratica continua: ogni equipe dei nostri resort è infatti costruita in modo da comprendere personale di almeno sei nazionalità differenti, fino a un massimo di dodici. E l’ambiente conviviale che caratterizza la nostra offerta consente di condividere tanti momenti anche con gli ospiti, che a loro volta provengono da oltre 40 paesi diversi.

D. Occorre avere già conoscenze linguistiche specifiche, per imbarcarsi in “un’avventura Club Med”?
R. Inglese e francese sono naturalmente obbligatori per le professioni a diretto contatto con il pubblico. In taluni resort, e in determinati momenti, cerchiamo anche profili già in grado di parlare in russo, portoghese e cinese. Quel che è più importante, però, è che, in ogni circostanza, il livello di competenze linguistica aumenta in maniera estremamente veloce. Conosco colleghi che nei resort Club Med hanno imparato fino a quattro lingue straniere. E non è esclusivamente un’impressione personale: secondo un nostro studio di impiegabilità del 2016, ben il 66% dei G.O. ha appreso almeno un idioma straniero nel corso della propria permanenza nel Club.

D. E oltre alle lingue?
R. Mettiamo a disposizione numerosi percorsi formativi, riguardanti le tematiche più varie: manageriali, tecniche, ancora linguistiche… Il tutto grazie sia all’intervento di formatori interni, sia all’ausilio di aziende partner esterne. Esiste persino un’Università dei talenti, che ha proprio lo scopo di sviluppare piani di formazione ad hoc, tarati sulle specifiche esigenze di ogni persona. Del resto, la crescita interna è il cuore della nostra politica delle risorse umane. Tutto ciò ci consente di accompagnare ciascun collaboratore lungo percorsi di carriera davvero straordinari. Perché noi puntiamo sul talento, sulla capacità delle persone di apportare nuove idee e proposte. Non ci fermiamo alle mere competenze tecniche: quelle si possono costruire; l’approccio al lavoro e il modo di essere sono innati e non c’è modo di insegnarli.

D. Da un punto di vista personale, invece, cosa si può dire?
R. Per conoscenza diretta, posso affermare che si tratta di un’esperienza assolutamente unica: viaggiare, scoprire nuovi paesi, conoscere nuove culture… Un’opportunità straordinaria che si traduce in un bagaglio di competenze esclusive: la capacità di stare sempre a contatto con il pubblico, lo scoprirsi diversi, la disponibilità a provare tanti sport differenti e la voglia di sperimentare. Infine, più concretamente, avere il nome Club Med sul curriculum conta ancora molto.

D. Cosa cercate specificamente nei profili di cultura e formazione italiana?
R. Soprattutto lo spirito e l’approccio che ci caratterizza. L’animo tricolore è perfetto per il dna Club Med basato sulla convivialità. La nostra cultura ci porta infatti a essere persone molto aperte, cordiali e sorridenti, con la passione per il buon cibo, l’attenzione ai dettagli, un grande senso estetico e un’innata propensione all’ospitalità. L’Italia inoltre è al centro dei nostri piani di sviluppo futuri. Lo dimostra proprio la prossima inaugurazione del Resort Club Med Cefalù. Ma nella Penisola continuiamo a investire moltissimo, con ulteriori nuove aperture in cantiere e importanti progetti di ampliamento della nostra offerta.

D. A parte i livelli base, di quali profili di middle management avete bisogno?
R. Stiamo cercando diverse figure: specialmente restaurant e food&beverage manager, ma anche responsabili finanziari, room division manager e responsabili della reception. E poi ancora guest relation manager, spa e store manager… In ogni caso, si inizia sempre con un programma di inserimento, che prevede un periodo formativo della durata compresa tra uno e quattro mesi, in affiancamento con un manager di ruolo presso i nostri villaggi invernali. Successivamente si approda al proprio resort di destinazione.

D. Quali sono infine le caratteristiche principali per lavorare in una struttura Club Med sulle Alpi? Serve, in particolare, una grande passione per la neve e per la montagna o bastano l’amore per l’ospitalità e tanta apertura mentale?
R. Certamente la passione per lo sci e la neve aiutano parecchio in una stagione sulle Alpi. Tuttavia, di base, è l’amore per l’ospitalità a fare la vera differenza e a rendere davvero unica e speciale una stagione in Club Med: è l’essenza di un’esperienza in un contesto molto professionale e al tempo stesso divertente (per lo meno quando è il momento). E poi in estate ci sono ottime possibilità di andare al mare, magari per nove-dieci mesi.

D. E se il mare non piacesse?
R. Oserei dire che è un’eventualità molto remota: le location dei nostri villaggi sono tutte veramente incantevoli.

Le date del recruiting tour

Le posizioni aperte riguardano per l’80% ruoli in ambito hospitality & catering (management, accoglienza, reception, cucina, ristorazione & bar, logistica), per il 10% l’area sport & leisure (attività, management, eventi, infanzia) e per un altro 10% la vendita & supporto (sale, assistenza, servizio tecnico, benessere). Club Med supporta la nuova campagna di recruiting anche con una strategia digitale, che prevede video d’ispirazione virale ed è dotata di un hashtag ad hoc: #UniqueWorld2Work. Chi desidera candidarsi può farlo direttamente sul sito www.clubmedjobs.it. Ma tanti sono pure gli appuntamenti con il recruiting tour invernale. Ecco il programma al momento disponibile, a cui presto si aggiungeranno date ulteriori:

21 e 22 settembre Sicilia; 29 settembre Milano; 4 e 5 ottobre IoLavoro (Job day aperto a Torino); 10 ottobre Milano; 12 ottobre Roma; 13 ottobre Napoli; 19 ottobre Bari; 20 ottobre Milano; 25 ottobre Bologna; 30 e 31 ottobre Sicilia; 7 novembre Milano; 9 novembre Roma; 10 novembre Napoli; 15 novembre Bari; 20 novembre Milano; 30 novembre Milano… To be continued.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati