Job In Tourism > News > Prodotti > Bollette più leggere senza brutte sorprese

Bollette più leggere senza brutte sorprese

Di Giorgio Bini, 20 aprile 2012

WWW.HPOINT.IT

Liberalizzato ormai da oltre una decina d’anni, il mercato della fornitura elettrica è oggi vario e dalle molte opportunità. «A queste, però», spiega l’amministratore unico di H_Point, Giovanni Borriello, «si affiancano pure parecchi rischi se la materia non viene trattata da esperti del settore».
Domanda. Cosa fare, quindi, per non trovare spiacevoli sorprese in bolletta?
Risposta. Noi ci affidiamo a uno staff di specialisti, assolutamente indipendenti da qualsiasi fornitore di energia, che da anni aiutano alcune tra le maggiori aziende italiane a risparmiare. Attraverso analisi chiare e trasparenti aiutiamo così i nostri partner alberghieri a scegliere in autonomia e facilità le migliori offerte disponibili tra quelle a prezzo fisso, a prezzo variabile o indicizzate alla borsa elettrica. Perché, in un settore reso complicato dai tecnicismi, dagli andamenti dei combustibili e del cambio euro-dollaro, difficili da prevedere, dalle normative in continua evoluzione, poter far decidere ai nostri clienti, con cognizione di causa e sicurezza, la migliore offerta per il proprio profilo è il nostro principale obiettivo.
D. Quali sono i comparti alberghieri più energivori e come ottimizzare i loro livelli di consumo?
R. In realtà non esistono reparti più o meno energivori, ma macchinari e impianti che assorbono più o meno energia. Noi, però, non entriamo nello specifico di ogni singolo comparto, ma consideriamo l’utenza complessiva: l’analisi dell’offerta, in particolare, è una importante fonte di risparmio che, aggiunta a una attenta gestione delle utenze, può garantire una significativa voce di contenimento dei costi.
D. Come si definisce, infine, un intervento di risparmio energetico in contesti tanto differenti quanto possono essere le strutture ricettive?
R. Con i nostri consulenti studiamo il profilo di consumo di ogni nostro singolo hotel partner e ricerchiamo le offerte alle migliori condizioni per ciascun profilo. Alberghi simili in zone diverse, infatti, hanno consumi differenti, ma anche le strutture ricettive, con lo stesso numero di camere e situate nella stessa zona, possono utilizzare quantità di energia differenti. In altre parole, non ci sarà mai un hotel che consumi esattamente come un altro. Il prezzo di fornitura, suddiviso nelle varie fasce orarie di consumo, per profili di consumo diversi, determina quindi differenze che possono arrivare anche fino al 10% della bolletta totale. È perciò fondamentale partire dallo storico dei consumi di ogni partner, richiedere offerte specifiche e costruire un’analisi economica efficace delle stesse proposte raccolte.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati