Job In Tourism > News > News > Benessere, cultura, sport, enogastronomia: le nuove scelte di viaggio secondo l’Osservatorio Astoi

Benessere, cultura, sport, enogastronomia: le nuove scelte di viaggio secondo l’Osservatorio Astoi

Di Mati Pignatelli, 8 giugno 2007

Quali destinazioni stanno scegliendo gli italiani per le loro vacanze estive? Le rilevazioni estrapolate dall’Osservatorio Astoi delineano un quadro prenotazioni che riprende alcuni trend già indicati nei primi mesi dell’anno.
Stazionario l’andamento generale delle vendite per l’estate che trova però nel prodotto “Italia mare”, al primo posto fra le prenotazioni, un incoraggiante segnale per l’economia turistica del Paese. Tra le nuove prospettive, rispetto alle tendenze della primavera scorsa, spicca il recupero dell’Egitto classico che, nel mese di aprile, registra un incremento di circa il 30% in termini di passeggeri prenotati; Mar Rosso, Grecia, Baleari e Tunisia sono fra le mete più richieste dagli italiani, rinnovando il successo della vacanza estiva nei mari del Mediterraneo.
«Fra le 47 destinazioni monitorate dall’Osservatorio Astoi sono le prenotazioni verso il lungo raggio a registrare i maggiori incrementi in termini percentuali e a delineare nuove tendenze» dichiara Alberto Corti, direttore generale Astoi. Fra queste, interessante il recupero degli Stati Uniti (+24,3% passeggeri prenotati in aprile) che risulta la prima scelta oltreoceano sorpassando la Repubblica Dominicana, meta prediletta della scorsa stagione insieme al Brasile, dove quest’ultimo continua la buona performance anche se in mani«era più moderata».
In ripresa gli andamenti di Messico e dell’area caribica che – ad eccezione di Cuba e Giamaica – sembrano avviarsi verso una costante ripresa. Spostandosi in Oriente, per il turista italiano continua a funzionare l’associazione Maldive e vacanze da sogno: l’arcipelago resta infatti fra le mete più ambite. Buoni gli andamenti di Bali e Thailandia che registrano un incremento del 20%. Fra le novità, anche se di dimensioni molto ridotte, l’incremento di prenotazioni verso il Canada, del quale però solo nei mesi futuri si potrà verificare la continuità.
Sebbene ancora rivolte a un mercato di nicchia, l’area Oceanica, con Australia e Polinesia in testa, e il Sud Africa, vivono un vero momento di successo; in lenta ma costante ascesa dalla scorsa estate, queste destinazioni sembrano essere fra le più desiderate anche al di fuori del periodo clou dei viaggi di nozze, generalmente concentrato nei mesi di aprile e maggio, soprattutto se abbinate a servizi benessere.
È indiscusso infatti il successo dei prodotti legati allo star bene e alla più ampia sfera del wellness: «Oggi è per lo più l’attitudine personale a segnare la scelta del luogo di vacanza; ad esempio chi viaggia alla ricerca della pratica di esclusivi trattamenti legati al benessere psicofisico selezionerà le strutture seguendo direttamente la gamma dei servizi fruibili, mettendo in secondo piano la destinazione geografica», commenta Corti. «La ricerca di una specifica tipologia di vacanza determina sempre più la scelta della destinazione, sia essa una meta lontana o vicina geograficamente, soprattutto per un viaggiatore con una capacità di spesa superiore alla media, che viaggi da solo o con amici o alla ricerca del lusso», conclude.
Seguono questa linea attitudinale ed esperienziale anche i viaggiatori interessati all’enogastronomia, alla cultura o allo sport, selezionando la destinazione più congeniale alle loro preferenze. Accade anche per motivazioni di viaggio molto più comuni: la Spagna o le isole della Grecia per socializzare, una crociera nel Mediterraneo per rilassarsi con la famiglia, un’isola minore del Sud Italia per un relax esclusivo.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati