Job In Tourism > News > Strategie > Baglioni hotels punta a raddoppiare la propria offerta in cinque anni

Baglioni hotels punta a raddoppiare la propria offerta in cinque anni

Di Marco Bosco, 3 luglio 2009

Aprire 15 nuovi hotel entro i prossimi cinque anni. È questo l’obiettivo di Baglioni hotels, che nel breve arco di tempo di un lustro intende letteralmente raddoppiare la propria offerta di boutique hotel di lusso. A guidare il piano strategico di espansione del brand, sarà Paul McManus, vice president di Leading ventures e recentemente nominato presidente dell’advisory board del gruppo alberghiero italiano con sede a Milano. «In un contesto come quello delineato dall’attuale congiuntura», spiega l’ex ceo dei Leading hotels of the world, «dobbiamo essere consapevoli che i piani di sviluppo vanno delineati tenendo conto delle reali prospettive di un mercato in cui scarseggia il capitale. Certo ci vuole un po’ di coraggio, ma questo vale per tutte le iniziative imprenditoriali in ogni tempo e in ogni luogo».
Il piano del gruppo è quello di consolidare la propria presenza in Europa, al contempo espandendosi al di fuori dei confini del Vecchio continente, soprattutto in Nord e Sud America, nonché in Asia e in Africa. Ma quali sono le prossime sfide che il comparto del lusso dovrà affrontare? «Riuscire a rimanere fedeli alla propria filosofia di prodotto, senza abbattere i propri standard per far fronte alla situazione difficile», risponde prontamente McManus. «La difficoltà per gli hotel manager sarà, in altre parole, quella di salvaguardare il bilancio finanziario delle strutture, al contempo preservando il livello dei propri servizi e l’immagine del proprio brand». Il fattore su cui il gruppo Baglioni dovrà far leva per garantirsi il successo sarà, infine, sempre secondo McManus, l’identità e lo stile italiano del proprio marchio: «Un importante elemento distintivo all’interno del panorama dell’hôtellerie globale, accompagnato peraltro dalla consolidata immagine di Baglioni quale brand capace di garantire elevati livelli di soddisfazione dei clienti».

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati