Job In Tourism > News > Prodotti > Affrontare la crisi con la nuvola

Affrontare la crisi con la nuvola

I gestionali cloud: strumenti utili a ottimizzare i costi e a massimizzare gli investimenti

I gestionali cloud: strumenti utili a ottimizzare i costi e a massimizzare gli investimenti

Di Giorgio Bini, 27 marzo 2014

Non è una novità: gli italiani hanno tagliato i budget per le loro vacanze. Anche le destinazioni turistiche più rinomate della penisola devono perciò oggi competere, oltre che fra loro, con località disseminate in tutto il Mediterraneo e oltre. E gli albergatori sono in prima linea nella lotta contro la crisi dei consumi che, sommata all’esplosione del fenomeno della distribuzione online, li ha costretti a rivoluzionare le strategie commerciali. Basta pensare alle escursioni delle tariffe, che in molti casi hanno spedito in pensione il vecchio listino prezzi.
Con la riduzione dei margini su ogni camera venduta, gli hotel non possono perciò ormai più ignorare la necessità di ottimizzare i costi operativi e di valorizzare al massimo i propri investimenti. «Un aiuto in questo senso può venire però senz’altro dai sistemi cloud e, in particolare, dal nostro gestionale 5stelle*», spiega Alberto Albrigi, fondatore di una realtà emergente nel panorama dei servizi avanzati per il turismo come The Hospitality Partner.

Domanda. In che modo, in particolare?
Risposta. Ha presente quello scatolone impolverato che sta sotto il desk della reception e da cui esce un bel groviglio di cavi?
D. Il server?
R. Proprio lui; con il cloud scompare, perché le basi dati e la potenza di calcolo risiedono altrove: sulla nuvola, per l’appunto. Adottare un gestionale cloud significa quindi prima di tutto razionalizzare gli investimenti e ottimizzare il funzionamento della reception. Cloud, in altre parole, vuol dire tanto risparmio per l’albergatore, oltre che la libertà di gestire la struttura ricettiva, anche da casa o in viaggio, con una semplice connessione Internet.
D. E i costi di installazione?
R. Si possono dimenticare: nessun tecnico dovrà mai andare in hotel per installare, configurare o formare lo staff; tutte le attività sono eseguite a distanza, da operatori che condividono lo stesso planner di ogni albergo, proprio come se fossero fianco a fianco con il personale degli hotel. Per di più, in un contesto nel quale vale sempre più il principio per cui il tempo è denaro, 5stelle* si fa notare per la velocità della fase di avviamento: di solito, infatti, ci servono appena 48 ore ma, in caso di particolari necessità, possiamo fare persino di meglio.
D. Ci sono altri costi abbattibili con un gestionale cloud?
R. Certamente; quelli di licenza, per esempio: un oneroso balzello retaggio dei software nati nel Millennio scorso. Oggi il valore di un programma, che sia destinato a un hotel o ad aziende di altri settori, risiede nella sua flessibilità e nella capacità di adattarsi alle esigenze di ogni cliente. E il nostro 5stelle*, grazie a un listino pensato sul numero di camere di ogni struttura, è compatibile con i budget di qualsiasi hotel, grande o piccolo che sia. Un altro importante fattore di risparmio sta poi nella semplicità d’uso dei prodotti: una caratteristica assai apprezzata dai nostri clienti, soprattutto dagli hotel a conduzione familiare o comunque con una organizzazione semplice, che sono poi le strutture più comuni in Italia. Perché un prodotto più intuitivo consente di risparmiare sulla formazione del personale.
D. Altri vantaggi della nuvola?
R. Se un gestionale è cloud significa che è stato realizzato negli ultimi anni e, quindi, che è stato progettato per risolvere i problemi più attuali. In un contesto nel quale la vendita in rete, sulle agenzie online (Olta) o sul sito proprietario, è diventata un must imprescindibile, un property management system (pms) moderno deve, e ribadisco deve, consentire di gestire al meglio le tante complessità dei canali di distribuzione Internet, abbattendo il rischio di overbooking e consentendo il rispetto delle parity rate.
D. Ci può fare un esempio a questo proposito?
R. Certo: basta pensare a quanto tempo ci vuole per allineare la disponibilità delle camere sui portali (o nei channel manager), con quella effettiva della propria struttura, sulla quale, per fortuna, continuano a incidere canali tradizionali quali il telefono, le mail, i walk-in o le agenzie. Se poi si tratta di un hotel da 20 o 30 stanze, il bisogno di correre sui portali, per chiudere le disponibilità o variare i prezzi delle ultime camere rimaste, è pressoché continuo. Non sarebbe bello evitare tutta questa fatica?
D. E il vostro gestionale può fare tutto questo?
R. Ovviamente sì: si possono per esempio scalare in automatico le disponibilità su Booking.com, Expedia e compagnia al solo inserimento della prenotazione sul planner. Ma è anche possibile cambiare più volte il prezzo di vendita senza uscire mai dal programma. Non solo: 5stelle* dà pure l’opportunità di creare il classico pacchetto minimum-stay o early-booking direttamente nel gestionale, evitando la scomodità di accedere ad altre piattaforme. Il nostro pms è infatti davvero orientato alla vendita online: da una parte ha una sua piattaforma nativa di distribuzione web, e un suo motore di prenotazione, da un altro lato dà la possibilità di connettersi alle più diffuse soluzioni di booking engine e channel management disponibili sul mercato. Tutto questo, ancora una volta, con la comodità del cloud.
D. Qual è quindi l’identikit dei vostri clienti?
R. Offriamo il massimo della flessibilità a tutti. Il nostro gestionale viene già oggi usato con soddisfazione da oltre 300 strutture ricettive in Italia: dal piccolo bed & breakfast al grande hotel di lusso. Fra questi, ci sono anche 50 alberghi con oltre 80 camere ciascuno, a ulteriore testimonianza della maturità del nostro prodotto.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati