Job In Tourism > News > News > Abbiamo scoperto un gioiello

Abbiamo scoperto un gioiello

Di Floriana Lipparini, 2 aprile 2004

www.kempinski-sicily.com
“Città splendida, superba e veramente insuperabile per la posizione e il prestigio di cui gode, ha raggiunto il vertice in quanto all’eleganza della sua sistemazione urbanistica. Essa raccoglie in sé tanti pregi quanti nessun’altra: ha mura robuste e alte, case notevolmente graziose, arterie larghe, molte strade, mercati rigurgitanti di merci e prodotti vari, bagni sontuosi, vaste botteghe, oltre ad orti e giardini con piante pregiate; ad essa convengono viaggiatori da tutte le parti per approvvigionarsi dei suoi abbondanti prodotti. Il suo distretto è di considerevole estensione e comprende prosperi casali e masserie. Lungo le sue mura scorre il Mazara nel quale sostano le navi per fare il carico e svernano le barche”: così lo storico nordafricano Idrisi descriveva Mazara del Vallo nel suo Libro di Ruggero, dopo aver soggiornato nel 1138 alla corte normanna di Palermo. Oggi, dopo quasi un millennio, Mazara è famosa soprattutto come il più importante porto peschereccio dell’isola.
E proprio in questo bellissimo angolo della Sicilia occidentale, nel cuore solare del Mediterraneo, tra oriente e occidente, tra ulivi e palmeti, tra giardini e fontane, tra colori e profumi, il prestigioso gruppo Kempinski ha deciso di inaugurare la sua prima struttura italiana, il Giardino di Costanza grand hotel & spa, così chiamato in onore di Costanza d’Altavilla, madre dell’imperatore Federico II.
L’hotel è collegato all’ottocentesca Villa Fontanasalsa, un centro congressi che può ospitare meeting per oltre 260 persone e banchetti per oltre 450,
nei vasti spazi restaurati ispirandosi allo stile dei tradizionali bagli della campagna trapanese. Reto Wittwer, presidente e Ceo di Kempinski, ha siglato l’accordo con Giovanni Savalle, chief executive della public company siciliana Mediterranea Spa.
Ne è nato un suggestivo complesso, all’incrocio di antiche storie e culture, che Karim El Ghazzawi, trentacinquenne svizzero-egiziano cresciuto in Svizzera, con importanti esperienze professionali nell’hôtellerie 5 stelle, è stato chiamato a dirigere come general manager. “Mi sono innamorato di questo luogo, è un gioiello che misteriosamente non era ancora stato scoperto”, esclama entusiasta. “Un mare stupendo, distese di sabbia bianche e dorate, il fascino arabo-normanno della città con i vicoli e i cortili dell’antica kasbah e le chiese barocche, gli splendidi templi di Selinunte e di Segesta che mi ricordano l’Egitto… Il pesce, il vino, le olive… Una gastronomia unica. Insomma, forse occorre coraggio per inaugurare una località non ancora lanciata turisticamente, ma chi ha coraggio di solito ottiene successo”.
Oltre 50 mila metri quadrati di lussureggiante parco, pergolati, gazebo, sentieri ornamentali con fontane, cascate, giochi d’acqua e piscine.
Camere d’insolita ampiezza, decorate in stile tipicamente siciliano, con materassi e cuscini da favola. I balconi si aprono sui giardini e sulla circostante campagna.
L’enogastronomia qui avrà uno spazio speciale. Al ristorante Dubbesi si potrà gustare il pregiato pesce fresco locale, cucinato secondo le tradizioni isolane. Ottimi vini, ma in particolare i nobili vini siciliani, si troveranno all’Enoteca del Mediterraneo.
Un altro punto di forza della bella struttura è rappresentato dalla Spa, un padiglione da Mille e una notte, di oltre 2 mila metri quadrati, con un fiabesco hammam, vasche jacuzzi, sauna e zone di relax. Qui ci si potrà sottoporre ad antiche terapie a base d’ingredienti naturali come il sale marino, l’olio d’oliva, gli agrumi e l’uva.
“Sarà uno dei più importanti centri benessere di tutta Italia”, spiega Karim. “Stiamo allestendo un complesso alberghiero veramente ad altissimo livello, com’è abituale per Kempinski che nelle sue scelte coniuga sempre bellezza, stile e cultura. E qui, in questa splendida e un po’ ignota Sicilia occidentale, abbiamo scoperto per primi un gioiello che vale davvero la pena di valorizzare”.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati