Job In Tourism > News > Risorse umane > A Genova un Master per formare i nuovi manager del turismo

A Genova un Master per formare i nuovi manager del turismo

Di Gavino Maresu, 4 marzo 2005

L’idea del Master in Progettazione e management di sistemi territoriali turistici, promosso dal corso di laurea in “Scienze geografiche applicate – territorio, ambiente, turismo” della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Genova, discende dalla Legge n. 135 del 29/03/2001 che ha riformato il turismo.
Questa legge ha infatti introdotto i Sistemi turistici locali, definiti «Contesti turistici omogenei, comprendenti ambiti territoriali appartenenti anche a regioni diverse, caratterizzati dall’offerta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazioni turistiche, compresi i prodotti tipici dell’agricoltura e dell’artigianato locale, e dalla presenza diffusa di imprese turistiche singole o associate».
Ne deriva un nuovo modo di concepire lo sviluppo turistico dei territori: attualmente, infatti, il settore del turismo vende un prodotto parzialmente preconfezionato da terzi, in quanto i fattori motivanti dell’offerta (beni naturali, culturali), pur facendo parte integrante e inscindibile dei prodotti turistici di cui costituiscono la materia prima, non sono controllati e gestiti dal turismo. Gli organismi di governo dei Sistemi turistici locali avranno quindi il compito di gestire in maniera produttiva tali beni, pur nei limiti e nei vincoli imposti dalla loro inalienabilità, conservazione e salvaguardia. Questi beni dovranno cioè «fare sistema» con i fattori endogeni (imprese, servizi e attività professionali) del settore turistico, l’unico in grado di renderli produttivi anche economicamente e non soltanto socialmente o culturalmente.
Per le stesse ragioni la legge 135/2001 in qualche modo rivoluziona anche il concetto di marketing turistico: quello finora praticato è infatti un marketing per così dire zoppo, in quanto viene realizzato soltanto nella fase finale del suo ciclo e cioè nelle strategie e tecniche del Communication mix. Sono invece totalmente assenti le fasi iniziali, consistenti nell’organizzazione e costruzione del prodotto-destinazione.
Il Master dell’Università di Genova è nato per rispondere a questo nuovo modo di progettare e di gestire il turismo. Oltre ai ruoli di tipo imprenditoriale per una nuova gestione delle imprese, che le faccia interagire in un logica di interrelazioni solidali e di cooperazione fra loro, diventa strategica la capacità del sistema-turismo di valorizzare i territori nella loro trama fatta di valori naturali, antropici, di ospitalità, di servizio, di cultura. Suo obiettivo principale sarà quello di approfondire gli aspetti strategici dei nuovi fattori di competitività di un dato sistema di vita, al fine di costruire il prodotto-destinazione e di gestirne il business turistico, proponendosi quindi di formare manager ad alto profilo, che possiedano le competenze fondamentali intersettoriali e interdisciplinari e che siano capaci di programmare lo sviluppo e la gestione turistica dei territori anche attraverso forme innovative di servizi turistici che conferiscano valore aggiunto ai sistemi turistico-territoriali.
Le figure professionali in uscita avranno una visione sistemica del settore che li porterà non solo a gestire le varie interfacce di cui si compone il poliedro-turismo, ma anche a far competere sui mercati turistici le destinazioni nelle loro complessità e specificità. Perché, a differenza degli altri settori produttivi, la competizione sui mercati turistici non si gioca fra imprese ma fra destinazioni, fra tipologie e segmenti di turismo strutturati e interconnessi in una logica sistemica e di rete fra tutti gli attori delle diverse filiere dei turismi. Di conseguenza il successo delle imprese turistiche dipende in massima parte dal successo delle destinazioni, nel cui contesto operano.
Occorre, di conseguenza, una nuova mentalità e un nuovo approccio al settore da parte di tutti. Ma per arrivare a questo traguardo è necessario un nuovo percorso formativo, guidato soprattutto dal mondo universitario, che formi una classe imprenditoriale nuova, con un approccio sistemico alle problematiche del turismo, e che insegni soprattutto a gestire e a sviluppare le imprese in regime di solidarietà e di interdipendenza con le esigenze di sviluppo dei territori, ampliando i loro orizzonti oltre l’impresa, verso il sistema.
Il Master consiste in un corso full time della durata di un anno, con 540 ore di lezioni frontali, 585 ore di studio personale, 250 ore di stage presso aziende e organismi vari, e che si concluderà con l’elaborazione di project work elaborati dai vari partecipanti, che costituiranno, insieme al colloquio finale, titolo per il conseguimento del diploma del Master. Si dirige a laureati in varie discipline, che verranno selezionati attraverso appositi test di ammissione che si svolgeranno nel mese di marzo 2005, e che potranno accedere alle numerose borse di studio messe a disposizione da vari Enti. Possono frequentare le aree in cui è strutturato il Master anche dirigenti e funzionari pubblici, manager e operatori privati, interessati ad approfondire le varie discipline che verranno trattate sia da docenti universitari sia da tecnici, esperti, manager e dirigenti pubblici e privati.
Per informazioni:
PerForm, tel. 010 2099466

Gavino Maresu
Sardo, vive e lavora a Genova; alla fine degli anni ’70 ha seguito il corso in “Discipline turistiche” presso l’Università Bocconi di Milano. È stato dirigente di imprese turistiche. Giornalista pubblicista, autore di numerose pubblicazioni giornalistiche e scientifiche sul turismo, è professore a contratto di Gestione delle imprese e degli eventi turistici al corso di laurea in Scienze geografiche applicate – Territorio, ambiente, turismo, presso l’Università degli studi di Genova; insegna anche al Ceida di Roma, ed è direttore del Dipartimento Turismo dell’Eurispes. Ha ideato il Master in Progettazione e management di sistemi territoriali turistici.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati