Job In Tourism > News > News > A Bonn l’ostello si fa vintage

A Bonn l’ostello si fa vintage

Di Antonio Caneva, 4 maggio 2017

Esperienza, esperienza, esperienza. Davvero il vecchio adagio «location, location, location» pare avere ormai lasciato al posto ai nuovi trend della domanda turistica a caccia di momenti memorabili. È così che pure una ex capitale come la città tedesca di Bonn, già sede del governo della Germania occidentale, prova a reinventarsi destinazione turistica anche grazie a offerte di soggiorno tra le più stravaganti.
È il caso per esempio di un ostello davvero originale: allestito dalla scenografa Marion Seul in un capannone industriale situato a sud della città, il BaseCamp Bonn propone soluzioni vintage che richiamano direttamente i tempi della Cortina di ferro. L’ostello possiede infatti una serie di roulotte, pullmini Volkswagen e camper Airstream, tutti rigorosamente d’epoca, che fungono da camere. Non solo: gli ospiti possono anche scegliere di dormire (con prezzi tra i 25 e i 75 euro a notte) nelle cuccette di un vecchio treno, oppure in tenda, sul tetto di una Trabant.
La proposta del BaseCamp Bonn si inserisce insomma pienamente in un trend evolutivo dell’offerta ricettiva che, oltre all’avvento di Airbnb, vede sempre più emergere formule di soggiorno alternative. Una tendenza che si traduce anche in neologismi, quali, solo per citarne un paio, il «glamping» e i «poshtel»: espressioni che definiscono l’evoluzione in senso uplevel e glamour di forme di ospitalità tradizionalmente budget come appunto il camping e gli ostelli.

Comments are closed

  • Categorie

  • Tag

Articoli Correlati