trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Gravoso ma non usurante
Faticoso, certo. Pure bello però: analisi semiseria del lavoro in hotel. L’unica pecca è «nella quantità di ore che bisogna restituire a fronte della quantità di euro ricevuta mensilmente»
di

Articolo

www.jobintourism.it/job/consulenza.php

L’età pensionabile è da tempo materia di grandi discussioni. Da una parte, esigenze di bilancio e, fortunatamente oseremmo dire, l’incremento della vita media impongono inevitabilmente una qualche stretta sulla data in cui si può godere del meritato riposo dopo anni di duro lavoro. Da un altro canto, però, esistono professioni e mansioni particolarmente gravose e usuranti, per cui è impensabile imporre ai lavoratori di rimanere attivi troppo a lungo. Sull’argomento è intervenuta in particolare anche l’ultima legge di bilancio che, in vista dell’innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni, a decorrere dal 2019, ha introdotto una serie di esenzioni proprio per le mansioni più usuranti. Tra queste non è prevista alcuna professione alberghiera. Ma con il suo solito stile irriverente, Dennis Zambon ha provato a immaginare come i vari profili dell’hôtellerie potrebbero essere inseriti nelle categorie tutelate dalle nuove norme. Il tutto condito da un inevitabile commento finale: poiché lavorare in hotel è bello, il mestiere è senz’altro gravoso ma non usurante…

Lo sappiamo bene: l’albergo è un microcosmo di attività complementari. Si acquista, si trasforma, si produce, si vende, si consuma, si paga e si valuta: tutto il ciclo completo all’interno della stessa struttura e con la presenza fisica del consumatore finale, l’ospite. Va da sé che lavorare in albergo, alla lunga, diventa gravoso.
Sappiamo bene che quello dei mestieri gravosi, che usurano chi li pratica, è un tema di grande attualità, oggetto di incontri e scontri volti a definire con precisione chi abbia il diritto di andarsene in pensione un po’ in anticipo.
L’occasione è ghiotta per fare un’analisi (semiseria, ça va sans dire!), pescando qua e là tra le definizioni dei vari lavori gravosi ufficialmente riconosciuti da governo e sindacati.
Qualsiasi lavoratore che, indipendentemente dalla mansione, svolga la propria professione come membro d’equipaggio a bordo di un albergo, è detto alberghiero. È presente in hotel 24 ore su 24, assistendo gli ospiti e correndo per le richieste di emergenza, con compiti che vanno dalla pulizia all’accompagnamento ed enormi doti di pazienza e disponibilità.
Per le responsabilità nei confronti dei clienti e l’attenzione costante che deve avere, il direttore d’albergo dovrebbe rispettare regole severe per le soste e il riposo, ma spesso non ci riesce.
I capiservizio svolgono un ruolo importantissimo e delicatissimo, e trascorrere il proprio tempo con collaboratori da 18 a 65 anni è sicuramente gravoso.
Movimentare merci, spostarle, trasportarle, è il compito di un facchino: che lo faccia in azienda o alla stazione o in aeroporto o in hotel, la fatica non cambia.
Ovunque ci siano spazi da pulire ci sono lavoratori che, su più turni, si occupano di lavare pavimenti e bagni anche più volte al giorno, nonché di raccogliere i rifiuti e di tenere lindi gli ambienti: anche questo è lavoro gravoso, come pure la manutenzione dell’edificio.
Ci fermiamo qui, dopo aver parzialmente pescato dai tanti articoli pubblicati sul tema e aver sostituito alcune parole ad hoc.
Per completare il quadro, ricorderemo il lavoro notturno (già meritorio dell’aggettivo gravoso in norme meno recenti) e qualche tentativo di aggiungere anche la categoria degli addetti alle cucine: tentativo naufragato a causa dell’aureola che illumina i cuochi al tempo di Masterchef.
Quindi, indiscutibilmente, possiamo certificare che lavorare in albergo è gravoso. Ma l’albergo è bello, accogliente, ospitale… Se uno ha quindi il privilegio di lavorarci, fosse anche per quarant’anni o più, fosse anche con mansioni gravose, di certo non si usura. Forse un po’ di usura è rilevabile nella quantità di ore che bisogna restituire a fronte della quantità di euro ricevuta mensilmente.

Ps: grazie a Corinna De Cesare e Valentina Santarpia. Abbiamo manipolato un po’ le loro ottime schede in http://bit.ly/2FEBRcJ

*Dennis Zambon è Responsabile Jit Hospitality: la divisione consulenza di Job in Tourism

Job in Tourism Consulting
COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori