trovalavoro
chiudi

INVIA L'ARTICOLO AD UN AMICO

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Il nome del tuo amico

L'indirizzo e-mail del tuo amico




Il lavoro c’è… Va solo ripensato
Spesso è una questione di… switch! Guardare da altra prospettiva, provare a domandarsi qual è la richiesta e non concentrarsi solo sull’offerta
di

Articolo

www.resumehospitality.it

Figlio di amici, senza arte né parte, formazione universitaria (nel senso che ha interrotto gli studi dopo un esiguo numero di esami a lettere). Mi passano il cv: 21 anni, un corso di formazione come bartender. Unica esperienza di lavoro: stagione estiva 2016 presso il bar del paese; inglese così così. Per amor di figli (che non ho), gli faccio sapere di chiamarmi: niente di che, un po’ di orientamento, lo ricevo volentieri; non posso fare molto, ma posso pensare di proporlo per uno stage o un tirocinio, di modo che possa arricchire il cv. Pensate mi abbia mai neppure telefonato?
Ricevo l’incarico di cercare direttori-imprenditori per una catena di hotel low cost: imprenditori nel senso che assumono la gestione operativa della struttura ma anche del conto economico, percependo una soddisfacente percentuale sui profitti. L’idea è interessante, pluri-validata sia in Italia sia all’estero. E la proposta è quella di pensarsi imprenditori e non dipendenti. Ma soprattutto l’idea vincente è che non è richiesto nessun capitale in entrata, né pagamenti di royalties, né investimenti: niente, in quanto l’azienda fin dal primo mese paga le percentuali spettanti, oltre a fornire supporto formativo, contabile, e soprattutto commerciale. La ricerca è appena partita, non voglio fasciarmi la testa prima di cadere, ma avrà successo in un Paese come il nostro, in cui si tende a rincorrere il posto fisso, da dipendente, in quanto più sicuro, tranquillo, garantito, e chi più ne ha, più ne metta?
Conosco il contesto del Lago di Como, stanno nascendo iniziative imprenditoriali private di tipo immobiliare destinate a una clientela sempre più vasta ed eterogenea, e di tutto il mondo. È sempre stata un’area ad alta vocazione turistica fin dai secoli scorsi, ma mi dicono che soprattutto sul ramo di Lecco non fosse troppo frequente vedere asiatici o neozelandesi: nella sola Varenna vanno a sposarsi circa 300 coppie all’anno da ogni angolo del mondo.
Ebbene, mi si dice che non ci sono professionisti in gamba, in grado di gestire a 360 gradi le case vacanza per conto dei proprietari, che pertanto hanno come unica possibilità quella di affidarsi alla classica agenzia immobiliare. Che è un altro lavoro. Ma un professionista che offra un servizio di qualità (accoglienza ospiti, gestione pulizie, controllo e verifica, conoscenza lingue, transfer da/per stazione e aeroporto, piccole manutenzioni o soluzione delle stesse...), dunque non c’è. Presto o tardi arriverà qualche sveglio svizzero (vista la vicinanza geografica) e i ragazzi del territorio avranno perso ancora una volta un’opportunità per esprimere una professionalità completa e moderna; forsanche per rincorrere sogni di gloria, continuando a studiare stancamente o lamentandosi del lavoro che non c’è o che ci viene rubato dagli stranieri.
Il lavoro c’è, va solo ripensato. Spesso è questione di… switch! Guardare da altra prospettiva, provare a domandarsi qual è la richiesta e non concentrarsi solo sull’offerta. E affinare gusti, intercettare bisogni, intuire opportunità ancora velate non ancora conclamate. Come Andrea, un giovane che ho conosciuto di recente. Figlio di un medico, consapevole di non essere interessato alla medesima professione e soprattutto a compiere un ciclo di studi lungo e finalizzato solo a quello, ha ragionato sulla sua manualità, sull’interesse che ha per le arti pratiche. Ha riflettuto, ha studiato e ha scelto: si è formato, ha fatto bottega, usa il computer, parla le lingue, ed esercita la professione artigiana di fabbro!

Mary Rinaldi è partner di Resume Hospitality Executive Search, divisione indipendente Job in Tourism dedicata all’head hunting, alla consulenza e alla formazione in tema di risorse umane nel settore hospitality.

COMMENTI
«Io e il mio compagno ci siamo candidati come coppia gestori ma non abbiamo avuto nessun riscontro.
Contiamo di essere contattati perchè siamo altamente motivati.

Grazie
Postato da ANGELA , RECEPTIONIST - 18:04:05 16-05-2017

LASCIA UN COMMENTO

Nome *

Professione

E-mail

Commento *

Desideri ricevere un avviso quando viene pubblicato un commento successivo? Si No

* campi obbligatori